Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il Pd annuncia la mozione per sciogliere Forza Nuova. Ma FdI: «Decidono i giudici»

L’iniziativa dem annunciata da Fiano e salutata con favore da M5s e Iv. Ma Lollobrigida frena

Una mozione urgente alla Camera per chiedere «lo scioglimento di Forza Nuova e degli altri movimenti dichiaratamente fascisti»: la annuncia il deputato del Partito democratico Emanuele Fiano oggi durante il presidio di solidarietà alla Cgil nazionale davanti alla Camera del lavoro di Milano dopo le manifestazioni dei No Green Pass e l’assalto alla sede nazionale del sindacato. Una iniziativa confermata anche dal segretario dem Enrico Letta. La mozione, dice Fiano, verrà presentata domani. «Finalmente si è avviata una reazione proporzionata al pericolo dopo le violenze di ieri a Roma», commenta il deputato del Movimento 5 Stelle Aldo Penna. «L’arresto dei capi di Forza Nuova come organizzatori e protagonisti degli assalti deve far capire a queste frange che l’Italia democratica non tollera la riedizione di un altro ventennio nero e la mozione per lo scioglimento di questa forza violenta, annunciata dal collega del PD Fiano, va nella giusta direzione».


«Chiediamo fortemente lo scioglimento di tutti quei movimenti che si richiamano al fascismo», rilancia su Facebook la copresidente di Italia Viva Teresa Bellanova, stamattina alla sede della Cgil con una delegazione di Iv. «Ora voltiamo pagina», si accoda il governatore del Lazio Nicola Zingaretti. «Non può esserci spazio per nessuna cultura di stampo neofascista e squadrista. Perché è contro tutti, non è contro qualcuno», dice a margine dell’assemblea generale della Cgil a Roma. «Lo scioglimento delle organizzazioni neo fasciste non è chiesto da qualcuno ma dalla Costituzione repubblicana».

Fratelli d’Italia frena

È più cauto invece Francesco Lollobrigida, capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia: «La magistratura italiana e la nostre leggi prevedono già quali siano gli elementi e le norme per agire nei confronti di queste associazioni. Non spetta a me sostituirmi agli inquirenti né alla magistratura», dice. «Noi siamo il partito della legalità, siamo contro ciò che contrasta con la legge ma non spetta a me decidere, la Costituzione assegna questo diritto dovere alla magistratura», dice all’Ansa. Le immagini «delle violenze di ieri contro le forze dell’ordine e la sede della Cgil sono impressionanti», replica a Sky Agenda la presidente dei senatori e delle senatrici Pd Simona Malpezzi. «Forza Nuova andrebbe sciolta subito», dice confermando la mozione annunciata da Fiano e che domani verrà presentata alla Camera e al Senato. «Sono convinta che la politica tutta debba esprimere una condanna ferma e unanime senza ambiguità e penso che nei mesi scorsi avrebbe dovuto avere una sola voce su vaccini e green pass. Invece, vedo a destra distinguo preoccupanti e molta timidezza nel censurare con parole chiare le aggressioni di ieri», affonda Malpezzi.

«Capisco che FdI stia all’opposizione ma certi gesti e comportamenti, come quelli evidenziati dall’inchiesta di Fanpage, non contribuiscono a fare chiarezza. Penso alle parole o alla gestualità di Fidanza e di altri dirigenti o candidati di quel partito che non possono essere ridotti a folklore perché sono molto gravi. A ciò si aggiunga la solidarietà espressa nei confronti della Polonia e dei Paesi sovranisti che in questi giorni rivendicano muri contro i migranti e il primato del diritto nazionale contro quello europeo e quindi negano trattati, valori comuni e un futuro di maggiore integrazione. Mi domando se con questi presupposti la destra abbia la credibilità necessaria per ambire a guidare il Paese. Io penso di no e credo sia necessario che ci sia una presa di distanza dal fascismo e dalla violenza più netta».

In copertina ANSA/RICCARDO ANTIMIANI | Manifestanti di Forza Nuova con bandiere e striscioni durante il sit-in nel giorno della Festa della Liberazione davanti al tribunale di Roma per protestare contro l’arresto dei militanti Castellino e Nardulli, Roma, 25 aprile 2019.

Leggi anche: