Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

L’inutile ricetta disintossicante di Silvana De Mari dopo il vaccino Covid

Ecco perché non dovreste dare retta a chi vi propone pratiche detox dopo l’immunizzazione

L’attore Enrico Montesano, molto apprezzato negli ambienti No vax, ha condiviso su Facebook lo screen di un post, dove una donna sostiene di avere avuto dei benefici da una ricetta proposta da Silvana De Mari, altro personaggio seguito da chi attribuisce ogni male possibile ai vaccini contro il nuovo Coronavirus. Vediamo di cosa si tratta.

Per chi ha fretta:

  • Non esistono ragioni per “detossificarsi” dal vaccino.
  • Non esistono farmaci realmente “detox“: il nostro organismo si sa “detossificare” da solo.
  • La ricetta proposta, comprensiva della Ozonoterapia, non presenta alcuna evidenza di efficacia.

Analisi

Si tratta di una ricetta volta a “disintossicare” le persone vaccinate. Troviamo conferme proprio in un audio della stessa De Mari, disponibile anche su YouTube. C’è da pensare che in caso di eventi avversi, questi vengano attribuiti non a tali ricette prive di controllo, ma al vaccino, che invece ha dovuto superare una lunga trafila di verifiche (ne parliamo approfonditamente qui).

L’autrice del post condiviso da Montesano parla di una «puntura». La perdita di una virgola può far passare un messaggio sbagliato, ovvero che De Mari consigli di iniettare tali sostanze, mentre verosimilmente si riferiscono a qualcosa da fare dopo la puntura (intesa come vaccinazione):

Disintossicazione dopo la puntura [virgola, Ndr] di Silvana De Mari.
N-aceticesteina, Fluimocil 200mg 3 volte a settimana. Cardioaspirina una volta al giorno. Tarassaco, Detox Bio. Antiossidanti. Olsio di fegato di merluzzo. Controllate VES, proteina C attiva, emocromo con piastrine, di-dimer. Ozonoterapia. Abbiate cura di voi e vostri cari amici.

Visto che compare alla fine della ricetta, ricordiamo che quando si parla di Ozonoterapia, intendiamo una pratica proposta come terapia antivirale per la Covid-19, la quale non ha mostrato sufficiente efficacia e sicurezza. Il dottor Filippo Testa, anestesista, già medico di Emergency e co-autore della pagina Facebook Pop Medicine, spiega a Open la totale infondatezza di questa ricetta.

«L’Ozonoterapia ha le sue applicazioni nella cosiddetta terapia del dolore, come le lombalgie, viene eseguita da specialisti di terapia antalgica in appositi centri e da mani esperte – continua il Medico –, nel caso della Covid e in generale dell’infiammazione, si tratterebbe di un’autoemoterapia che prevede il passaggio del sangue in un macchinario che lo arricchisce di ozono. In pratica prendono il sangue, te lo fanno passare in un macchinario che lo arricchisce di Ozono e te lo rimettono dentro. Quindi, anche in questo caso, se non eseguita da mani esperte può portare anche ad infezioni sistemiche».

È emblematico che persone vaccinate gratuitamente, poi vadano a cercarsi qualcuno gli pratichi una terapia detox, che non dovrebbe essere gratuita. «Non conosco i costi esatti. Una volta in rianimazione abbiamo dovuto usare l’Ozonoterapia come terapia compassionevole, per altro senza alcun risultato concreto, anzi subito dopo abbiamo visto un rapido peggioramento degli scambi respiratori. La famiglia aveva affittato il macchinario, pagando migliaia di euro».

Un video di Silvana De Mari dove, ospite di Byoblu, promuove la sua “ricetta”.

A quanto pare, si tratterebbe di una ricetta per disintossicarsi dal vaccino. «Non è chiaro da cosa dovrebbero disintossicarsi, visto che il vaccino sparisce subito dopo che ha fatto il suo lavoro. Senza contare che non esistono farmaci “detossificanti”. Il nostro corpo si detossifica benissimo da solo». E se dovessero servire in generale per trattare la Covid-19 lieve? «Quello che sconsiglio maggiormente è il Fluimocil; un mucolitico che il pneumologo non usa mai, perché scioglie il muco, il quale scende ancora più giù nelle vie respiratorie, aumentando ulteriormente la tosse. Altre sostanze come l’olio di pesce non hanno alcuna proprietà farmacologica».

Conclusioni

Non esistono ragioni scientifiche per prendere in considerazione la ricetta proposta da De Mari. Non esistono evidenze di efficacia sotto ogni aspetto. Inoltre, non esistono ragioni per ritenere che ci si debba “detossificare” dal vaccino.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Open.online is working with the CoronaVirusFacts/DatosCoronaVirus Alliance, a coalition of more than 100 fact-checkers who are fighting misinformation related to the COVID-19 pandemic. Learn more about the alliance here (in English).

Continua a leggere su Open

Leggi anche: