Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ivana Trump, i risultati dell’autopsia: è morta per le ferite riportate nella caduta dalle scale

Il medico legale di New York dice che l’avvenimento è da considerarsi accidentale. La famiglia ha pubblicato una nota in ricordo dell’imprenditrice 73enne

Ivana Trump è morta per le ferite riportate a seguito della caduta dalle scale. Ad affermarlo è la testata statunitense Abc che riporta le parole dell’ufficio del capo medico legale di New York che ha eseguito l’autopsia sul corpo della prima moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. L’imprenditrice di origini cecoslovacche era stata trovata priva di sensi «nelle immediate vicinanze» dalle scale del suo appartamento nell’Upper East Side di New York. La caduta le avrebbe quindi provocato delle gravi lesioni da impatto al busto causandone la morte. Un avvenimento che, come sostiene il portavoce del medico legale, è da considerarsi accidentale.


Una fonte interna alle forze dell’ordine newyorkesi aveva detto a Fox News che qualcuno nella residenza Trump aveva chiamato la polizia per chiedere un controllo di salute. Questa persona non vedeva la 73enne da un po’, e si era preoccupata per lei. Arrivati sul posto, i soccorsi hanno trovato Ivana Trump in fondo alle scale e non hanno potuto far altro che constatarne il decesso.


Il ricordo della famiglia

Dopo un primo messaggio pubblicato dall’ex presidente Trump nella sua piattaforma Truth Social, l’intera famiglia ha pubblicato una nota in memoria di Ivana. «Nostra madre era una donna incredibile: una forza negli affari, un’atleta di livello mondiale, una bellezza radiosa e una madre premurosa e amica. Ivana Trump era una sopravvissuta. È fuggita dal comunismo e ha abbracciato questo Paese. Ha insegnato ai suoi figli grinta e durezza, compassione e determinazione. Mancherà moltissimo a sua madre, ai suoi tre figli e ai dieci nipoti». La prima moglie di Donald aveva avuto con lui tre figli: Donald Jr., Ivanka ed Eric.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: