Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Covid, via libera di Aifa ai vaccini per le nuove varianti Omicron Ba.4 e Ba.5: «Tutti i booster ugualmente efficaci»

L’ok dopo l’approvazione dell’Ema. L’Agenzia del Farmaco: «Non ci sono dati per preferire Pfizer o Moderna»

Via libera dell’Aifa al vaccino anti-Covid adattato contro le sottovarianti Omicron 4 e 5. «La Commissione Tecnico Scientifica (Cts) di Aifa, nella riunione del 14 settembre 2022, ha deciso di rendere disponibile l’utilizzo del vaccino bivalente Comirnaty Original – Omicron BA.4-5, approvato da Ema, come dose booster per tutti i soggetti previsti dall’indicazione autorizzata», si legge in una nota ufficiale dell’Agenzia. In precedenza, l’Agenzia Italiana del Farmaco aveva già approvato il primo vaccino contro la sottovariante Omicron 1. La Commissione tecnico scientifica di Aifa ha poi indicato la platea per cui la dose booster è raccomandata in via prioritaria. Tra questi, i «soggetti che presentano fattori di rischio (di sviluppare malattia grave, ndr) e gli over 60. Tutti gli altri soggetti possono comunque vaccinarsi con la dose booster su consiglio del medico, o come scelta individuale». 


I diversi booster

Ma non solo. Secondo il parere della Commissione tecnico scientifica di Aifa, al momento non sono disponibili dati a sufficienza per esprimere un parere preferenziale nei confronti dei diversi vaccini bivalenti disponibili per la dose booster, vale a dire sia con Pfizer sia con Moderna. E infatti l’Agenzia Italiana del Farmaco, nel comunicato, precisa: «Tutti i vaccini aumentano la protezione contro diverse varianti e aiutano a mantenere una protezione ottimale contro il Covid-19. Anche il vaccino bivalente BA.1, infatti, si è mostrato in grado di indurre, nei confronti della variante BA.5, una risposta anticorpale maggiore rispetto a quella del vaccino originario». Insomma, entrambi i vaccini BA.1 e BA.4-5 sono raccomandati per tutti gli over 60, per chi presenta fattori di rischio, e per chiunque volesse rafforzare gli anticorpi contro le nuove varianti del virus.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: