Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Karim Benzema vince il Pallone d’oro a 34 anni: è il secondo più anziano. Cristiano Ronaldo si ferma al 20mo posto

Dieto al francese si è piazzato al secondo posto Sadio Manè del Bayern Monaco, seguito dal belga Kevin De Bruyne del City

Va all’attaccante francese del Real Madrid, Karim Benzema, il Pallone d’oro 2022. A 34 anni, è il secondo più anziano a ricevere il premio dopo Stanley Matthews, che lo vinse a 41 anni. Benzema era partito sin da subito tra i favoriti, dopo una stagione esaltante che lo ha portato alla vittoria della Champions con i Blancos, la Nations League con la Nazionale francese vinta a Milano contro la Spagna e il riconoscimento di Giocatore dell’anno da parte dell’Ue nella stagione 2021-2022. Sul podio si sono classificati al secondo posto Sadio Manè del Bayern Monaco e al terzo posto Kevin De Bruyne. Al quarto posto c’è Robert Lewandoski del Barcellona. L’attaccante egiziano del Liverpool, Mohamed Salah, si è classificato al quinto posto, seguito dal collega Kylian Mbappé e dal portiere belga del Real Madrid Thibaut Courtois. Ottavo e nono posto per altri due madridisti, il brasiliano Vinicius Junior e il croato Luka Modric, vincitore del premio nel 2018. Decimo posto per il giovane fuoriclasse norvegese Erving Haaland, del Manchester City.


Cristiano Ronaldo 20esimo

Al 20esimo posto della classifica è arrivato Cristiano Ronaldo, dopo aver vinto cinque edizioni. Secondo l’Equipe TV che ha dato il conto alla rovescia della classifica potrebbe trattarsi dell’ultima partecipazione del campione portoghese. Sono in tutto 30 i finalisti del Pallone d’Oro, che quest’anno ha visto cambiare i criteri e i metodi di valutazione. Non hanno dato peso alle rispettive carriere, ma a parametri come il fair play, la classe del singolo giocatore e all’annata disputata. Un cambio di regole nato a seguito delle polemiche emerse dall’ennesimo successo di Lionel Messi dello scorso anno. Il regolamento prevede inoltre che siano presi in considerazione prestazioni e titoli ottenuti nella stagione sportiva (nella fattispecie il 2021-2022) e non più nell’anno solare.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: