L’ambasciatore tedesco in Qatar avverte Berlino, l’allarme dopo le proteste sui diritti: «In fumo anni di fiducia: ora rapporti miserabili»

La protesta dei giocatori della Germania, scesi in campo con la mano davanti alla bocca, e l’esibizione della fascia One love al braccio della ministra dell’Interno tedesca hanno innervosito gli investitori in Qatar

Un rapporto solido – e proficuo – messo in crisi durante i Mondiali 2022, dalle proteste dei giocatori della Nazionale che sono scesi in campo con la mano sulla bocca alle polemiche sollevate da alcuni giocatori in conferenza stampa. L’ambasciatore tedesco a Doha avverte il governo centrale che in Qatar tira una brutta aria e i rapporti con il partner commerciale dell’emirato rischiano di risentirne. «Negli ultimi anni, la Germania ha goduto di un notevole bonus di fiducia in Qatar», avrebbe scritto con un tono di velato rimprovero Claudius Fischbach al ministero degli Esteri di Berlino, secondo quanto riporta in esclusiva Der Spiegel, «l’attuale stato d’animo nei confronti della Germania negli ambienti economici locali, tradizionalmente filo-tedeschi, mi viene descritto come miserabile». Le autorità qatariote e gli investitori dell’emirato non avrebbero gradito l’atteggiamento della squadra tedesca – eliminata dai Mondiali ai gironi – che ha soffiato sul fuoco delle polemiche. Gli undici in campo contro il Giappone, nella prima partita dei tedeschi, sono scesi in campo facendosi fotografare con la mano sulla bocca, protestando per il divieto della Fifa a indossare la fascia al braccio One love. Un simbolo che poi la ministra dell’Interno tedesca Nancy Faeser ha deciso comunque di esibire sugli spalti. Secondo Fischbach, per stiepidire i rapporti ora Berlino dovrebbe ufficialmente congratularsi con il Qatar per l’organizzazione della manifestazione sportiva, con una dichiarazione «di altissimo livello» che riconosca l’«ottima esecuzione della Coppa del Mondo fino ad ora e la soddisfazione per il nuovo accordo di fornitura di Gnl».


Foto di copertina: EPA/Friedemann Vogel


Continua a leggere su Open

Leggi anche: