Slovacchia: vince il partito progressista della presidente Čaputová

Il partito Slovacchia Progressista, della nuova presidente Zuzana Caputova, avrebbe ottenuto oltre il 20%, ben al di sopra delle stime di aprile

Ore 6.29 – Arrivano i dati definitivi anche dalla Slovacchia dove la coalizione composta da Ps più Spolu si aggiudica il 20.11% dei voti. Dietro il partito al governo SMER al 15,72. Al 12,1% il Partito popolare Slovacchia nostra.

Ore 2.33 – La distribuzione dei voti in Slovacchia. Il partito vincente sfonda soprattutto nell’Ovest del Paese. Mentre i socialdemocratici di SMER raggiungono maggiori consensi a Est.

Ore 00.29 – Affluenza storica per la Slovacchia con il 23%.

Ore 22.00 – Inizia il nostro live-blog sulle elezioni europee.

Secondo i dati diffusi dal quotidiano Dennik, il partito liberale di centrosinistra di Progressive Slovakia (Ps) della neo-presidente Zuzana Čaputová avrebbe vinto le europee in Slovacchia. Sconfitta per i socialdemocratici dell’ex premier Robert Fico, al 15% contro il 24% di cinque anni fa. Affermazione a sorpresa dell’estrema destra di ĽSNS, terzo partito al 12%. Nel 2014 aveva ottenuto poco meno del 2%.

Dopo l’uccisione nel febbraio del 2018 del giornalista investigativo Ján Kuciak e della sua compagna Martina Kušnírova, migliaia di persone si sono riversate nelle strade di Bratislava per chiedere giustizia per la morte del reporter. Le manifestazioni hanno portato alle dimissioni del primo ministro Robert Fico e del suo ministro dell’Interno.

Le proteste hanno portato alle dimissioni del primo ministro Robert Fico e del suo ministro dell’Interno. L’episodio ha mescolato le carte al vertice
tanto che a marzo Zuzana Čaputová, la cofondatrice di Slovacchia Progressista, è diventata la prima donna a ricoprire la carica da presidente.

Da sapere