Tutto in un pomeriggio: le sei domande sulla crisi, Salvini, il M5S, il Pd, Renzi e Berlusconi

di OPEN

In un pomeriggio caldissimo per la politica, l’opinione pubblica aspetta molte risposte. Ecco i punti principali

In un pomeriggio caldissimo (politicamente e per il clima) l’opinione pubblica e il mondo politico aspettano molte risposte, dopo una settimana colma di colpi di scena, dominata dalla rottura della coalizione di governo gialloverde. Vediamo quali sono i principali punti:

1 Come andrà la conta dell’assemblea di Palazzo Madama? Si voterà domani o il 20 al senato sulla sfiducia a Conte? Prevarrà la mobilitazione del centro destra (Lega, FI e Fdi) o quella di M5s, PD e gli altri?

2 Per forzare la situazione Salvini annuncerà le dimissioni di tutta la delegazione leghista, lui compreso, dal governo?

3 Forza Italia sarà compatta nell’appoggiarlo, pur rischiando un ruolo decisamente secondario nelle scelte future?

4 Il Partito Democratico formalizzerà la proposta, annunciata da Bettini e Franceschini, di “patto di legislatura” col M5s per un governo anti-Lega fino al 2023?

5 Il Movimento, che ieri con Di Maio ha detto no a Renzi ma ha taciuto su un accordo col partito di Zingaretti, darà risposta alle avances Pd?

6 Cosa farà Renzi, che ha fissato una conferenza stampa “bomba” per le 16.30? Annuncerà la scissione e la nascita del suo partito?

Leggi anche: