Conte dopo la morte di Soleimani: «Ue fondamentale per evitare sviluppi imprevedibili in Medio Oriente»

Il premier confida che l’Unione Europea possa giocare un ruolo chiave nella prospettiva del dialogo. Massima attenzione per i contingenti italiani

Il premier Giuseppe Conte si è detto «fortemente preoccupato» dall’escalation di tensione tra Usa e Iran in Iraq a seguito dell’uccisione del generale Soleimani a Baghdad. 

Ragion per cui, rendono noto fonti di Palazzo Chigi, il premier auspica che «l’Unione Europea possa esercitare il suo peso diplomatico per evitare sviluppi imprevedibili e vanificare così tutti gli sforzi per stabilizzare l’area e offrire un contributo determinante».

Dal premier italiano è arrivato infatti un appello «alla moderazione, al dialogo, al senso di responsabilità delle parti».

Le fonti di Palazzo Chigi hanno reso altresì noto che vi è massima attenzione per i militari italiani impegnati all’estero nelle zone di conflitto e così, il ministero della Difesa ha predisposto lo misure straordinarie per la sicurezza dei contingenti, blindando le basi e chiedendo di limitare al massimo gli spostamenti.

Leggi anche:

Foto di copertina: Ansa / Giuseppe Conte (repertorio)