Coronavirus, il 17enne Niccolò è partito da Wuhan: tra poche ore l’arrivo in Italia

L’aereo speciale che lo sta trasportando dovrebbe atterrare a Pratica di Mare

Presto Niccolò potrà riabbracciare la sua famiglia. Dopo due voli saltati a causa di qualche linea di febbre, nonostante dai test risultasse negativo al Coronavirus, il 17enne studente di Grado ha finalmente superato i controlli medici ed è partito da Wuhan a bordo dell’aereo dell’Aeronautica militare. Il giovane dovrebbe arrivare domani, 15 febbraio, a Pratica di Mare. Per riportarlo a casa è stato predisposto un volo speciale in «biocontenimento»: un tipo di aereo che permette di proteggere da agenti infettivi il paziente, i sanitari e l’equipaggio. Niccolò viaggerà su una barella speciale che lo terrà in isolamento. Una volta in Italia, dovrà stare due settimane in quarantena allo Spallanzani.


Per ben due volte lo studente non è riuscito a superare i controlli medici a causa della febbre. Sarebbe dovuto essere rimpatriato con il primo volo, che ha portato da Wuhan 56 persone (tra cui un 29enne risultato poi positivo al coronavirus). Fallito anche il secondo tentativo che ha portato in Italia altri otto connazionali, ospitati nell’ospedale militare del Celio di Roma. Nel corso della sua permanenza a Wuhan, Niccolò, sempre in contatto con la Farnesina, è stato assistito anche dai volontari di Intercultura, dalla docente bresciana rimasta a Wuhan, con l’aiuto di volontari cinesi.

Leggi anche: