Coronavirus, ecco il testo del decreto che trasforma l’Italia in una zona rossa

Garantiti i servizi essenziali. Aperti edicole, tabaccai, artigiani, idraulici, meccanici, pompe di benzina

È il terzo decreto della Presidenza del consiglio in cinque giorni, il quarto da inizio marzo. Di fatto si tratta di un ulteriore inasprimento delle misure finalizzato a contenere il prima possibile il contagio da Coronavirus. Misure che resteranno in vigore su tutto il territorio nazionale fino al 25 marzo.


Saracinesche abbassate su tutti gli esercizi commerciali del territorio nazionale, pub, ristoranti, parrucchieri, centri estetici e servizi di mensa. Chiudono anche i reparti delle attività produttive che non sono necessarie. Garantiti invece i servizi essenziali: trasporti, agroalimentare, farmacie, poste e banche. È d’obbligo precisare che restano invece aperti edicole, tabaccai, artigiani, idraulici, meccanici, pompe di benzina. «Tutti aperti perché sono essenziali», precisano fonti di Palazzo Chigi.

Il testo del decreto

DPCM 11 Marzo 2020.PDF.pdf.PDF (1) by Open on Scribd

Il parere degli esperti

Leggi anche: