La denuncia dei medici: «Se positivi al Coronavirus, ci tagliano lo stipendio. Altro che eroi, ricomincerà la caccia alle streghe»

Applicata la legge Brunetta sull’assenza dal lavoro anche a chi si ammala di Covid-19 in servizio. «Adesso ci considerano tutti degli eroi. Ma quanto durerà questa situazione?» dice Stefano Magnone, medico chirurgo all’ospedale di Bergamo

Altro che eroi, altro che martiri. Ai medici qualcuno «ha già decurtato lo stipendio». A spiegarcelo è Stefano Magnone, segretario di Anaao Assomed Lombardia, associazione che rappresenta medici e dirigenti sanitari e che ha ricevuto una segnalazione da un collega in servizio in un’azienda sanitaria della Lombardia («dove ci sono già molti casi ma al momento non vogliono esporsi perché un po’ timorosi»). Magnone, tra l’altro, non ha passato un periodo facile: «Anche io ho avuto il Coronavirus, nel momento più difficile sono rimasto a casa ma, almeno nel mio caso, non ho subito questo trattamento in barba alle leggi dello Stato e in barba al buon senso e alle circolari Inail» ci spiega.

Cosa è successo

Il medico, che ha segnalato l’episodio a Magnone e che però vuole restare anonimo, si è visto «decurtare una delle indennità legate al suo incarico professionale», e quindi si è visto «diminuire lo stipendio di oltre 250 euro lorde solo per il mese di marzo». Il motivo? È dovuto restare a casa per il Covid-19. In altre parole, «contravvenendo a un decreto legge», l’ospedale «ha applicato la riforma Brunetta (secondo cui, all’articolo 71 del Dl 112/2008, nei primi dieci giorni di assenza «è corrisposto il trattamento economico fondamentale con esclusione di ogni indennità o emolumento», a meno che si tratti di ricovero ospedaliero, ndr) che, intanto, però, è stata superata dal decreto legge n. 9 del 2 marzo».

Open | Da 786 a 532 euro

All’articolo 19, il decreto legge n. 9 del 2 marzo recita testualmente: «Il periodo trascorso in malattia o in quarantena con sorveglianza attiva, o in permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva, dovuta al Covid-19, è equiparato al periodo di ricovero ospedaliero». Dunque, in questo caso nessuna decurtazione delle indennità sarebbe stata possibile.

E non è finita qui: «Al collega hanno considerato l’infortunio dal periodo che va dal primo tampone positivo all’ultimo tampone negativo senza considerare, invece, il periodo precedente al primo tampone e il periodo successivo al tampone negativo, in cui il collega è stato male, non riuscendo nemmeno ad alzarsi dal letto. Quello, invece, è stato considerato come malattia». «Io, ad esempio, visto che ho contratto il Covid-19, sono stato in infortunio dall’inizio alla fine della mia assenza in reparto, bastava fare così» ci spiega.

Open | La busta paga del medico relativa al mese di marzo 2020

«Quanto durerà questa situazione?»

Il segretario di Anaao Assomed Lombardia, Stefano Magnone, che è anche medico chirurgo all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ci racconta che «i reparti pian piano si stanno riorganizzando. L’ospedale è meno pressato e stanno calando gli accessi in pronto soccorso per il Covid-19». «Ora c’è un bel clima, ci considerano tutti degli eroi, dei martiri. Ma quanto durerà questa situazione? Presto torneremo alla caccia alle streghe, ai medici accusati di essere legati solo al denaro. Io non sono per niente ottimista, basti pensare a quegli avvocati che, da sciacalli, proponevano cause di risarcimento contro i medici per i decessi da Coronavirus».

Foto in copertina di Ansa

Il parere degli esperti:

Leggi anche: