Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Berlino, la solidarietà dei deputati tedeschi all’Italia alla vigilia del Consiglio Ue

Alcuni deputati, tra cui anche Martin Schulz, si sono radunati sul prato dell’Ambasciata a Berlino, per esprimere un messaggio semplice: #Weareinthistogether

Nelle foto in primo piano appare Martin Schulz, deputato tedesco, ex leader della Spd ed ex presidente del Parlamento europeo, mentre parla ai giornalisti e dichiara che dopo una prima esitazione Angela Merkel «ha imboccato la strada giusta». Sullo sfondo, l’Ambasciata italiana a Berlino e una manciata di manifestanti. Tra loro ci sono altri deputati tedeschi, come Franziska Brantner dei verdi, e intellettuali come Ulrike Guérot. Insieme hanno steso una bandiera dell’Unione europea sul prato dell’ambasciata per ribadire un messaggio semplice, #Weareinthistogether, soltanto insieme possiamo uscire dalla crisi provocata dalla pandemia di Coronavirus, ed esprimere la loro solidarietà all’Italia.


Il Consiglio Ue di domani

Il riferimento è al summit del Consiglio europeo di domani, un giorno chiave per le trattative sugli aiuti economici europei ai Paesi colpiti dal Coronavirus – tra cui c’è anche l’Italia – e forse per il futuro dell’Unione stessa. Intervenendo ieri, 21 aprile, prima al Senato e poi alla Camera, il premier italiano Giuseppe Conte ha detto di essere aperto ad accettare i finanziamenti previsti dal Fondo salva stati europeo (pari a circa 37 miliardi di euro), da spendere senza condizionalità. Un’apertura che divide il Movimento 5 Stelle e quindi la maggioranza di governo.

In Europa, le divisioni tra chi, come Olanda, Austria e Germania, si oppone ai Coronabond e alla mutualizzazione del debito e chi invece, come Italia, Spagna e Francia, vorrebbe più Europa, più finanziamenti e più condivisione dei costi della crisi, sembrano arginarsi. Dietro questo riavvicinamento ci sarebbe proprio la Germania e in particolare, non tanto l’opposizione tedesca quanto la Cancelliera Angela Merkel, determinata ad arrivare a un accordo prima dell’avvio del semestre di presidenza tedesca della Ue a giugno.

La strada per la creazione di un “Recovery Fund” pare essere un pochino meno in salita, dunque. A differenza della originaria proposta francese, dovrebbe essere la Commissione a gestire il Fondo e – un punto cruciale – dovrebbe prevedere anche l’emissione di titoli di debito comune. Ma per farlo i leader europei dovranno trovare un accordo sul nuovo budget Ue che va dal 2021 al 2027.

Insomma, per trovare una quadra serve accelerare e, soprattutto cooperare. Proprio come auspicano i deputati e i manifestanti tedeschi che stamattina si sono radunati fuori dalla nostra ambasciata in Germania. «I Coronabond non arriveranno subito, quindi il Recovery Fund è un buon punto di partenza», ha spiegato Schulz, parlando alla stampa italiana. «L’Europa ha bisogno di titoli di Stato comuni», ha aggiunto, «questo non ha nulla a che vedere con il pagare i debiti degli altri, ma è uno strumento di consapevolezza della valuta comune».

Il parere degli esperti:

Leggi anche: