Coronavirus, ancora 415 morti: il totale sale a 26.384. Frenano i contagi. In Piemonte più casi che in Emilia – Il bollettino della Protezione civile

In calo i ricoveri: i pazienti in ospedale sono 21.533 (ieri 22.068), di cui 2.102 in terapia intensiva. Il Piemonte supera l’Emilia Romagna per numero di malati di Covid-19 con 15.502 positivi al tampone

Il bollettino del 25 aprile

L’ultimo bollettino diffuso dalla Protezione civile segna ancora un calo nel numero dei pazienti attualmente positivi al Coronavirus. Oggi, infatti, diminuiscono di -680 unità e sono in totale 105.847 (ieri il calo era di 321 pazienti e dunque erano in totale 106.527). Il Piemonte super per la prima volta l’Emilia Romagna per numero di malati di Covid-19 con 15.502 positivi al tampone. Diminuisce leggermente il numero delle vittime: si registrano 415 nuovi morti (ieri erano 420), solo in Lombardia le nuove vittime sono 163. A questo punto, il totale dei morti in Italia è arrivato a quota 26.384.

Complessivamente, i casi totali di persone colpite dal Covid-19 dall’inizio del monitoraggio dell’epidemia sono arrivati a quota 195.351, con un incremento di 2.357 in un giorno (ieri l’incremento era di +3.021). Quanto ai tamponi, ne sono stati effettuati 65.387 in 24 ore, il totale dei test è dunque arrivato a quota 1.707.743.

Quanto alle guarigioni, nelle ultime 24 ore sono guarite 2.622 persone (ieri le guarigioni erano 2.922), per un totale di 63.120. In calo i ricoveri: i pazienti in strutture ospedaliere in generale oggi sono 21.533 (ieri erano 22.068), di cui 2.102 in terapia intensiva (ieri erano 2.173). Le persone in isolamento domiciliare in tutta Italia sono invece 82.212.

Ieri e oggi a confronto

L’andamento dei nuovi contagi negli ultimi 10 giorni

I positivi Regione per Regione

In base ai dati ufficiali della Protezione civile, il numero di persone al momento positive al SARS-CoV-2 è così distribuito di regione in regione:

I casi (totali) provincia per provincia

Grafiche di Vincenzo Monaco per Open

Il parere degli esperti:

Leggi anche: