I medici del Regno Unito avvertono: «Aumenta il numero di bambini con una “sindrome infiammatoria” correlata al Coronavirus»

È probabile che il numero di bambini colpiti sia molto basso. Dunque nessuna emergenza ma l’allerta resta massima

Nei bambini del Regno Unito sarebbe emersa una nuova e grave sindrome correlata al Coronavirus. Una circolare è stata recapitata ai medici inglesi, stando a quanto riportato dal giornale di settore Health Service Journal: nelle ultime tre settimane ci sarebbe stato un aumento di bambini ricoverati negli ospedali del Paese con una sindrome – uno stato infiammatorio che richiederebbe cure intensive – che potrebbe avere alcune caratteristiche del Covid-19, il virus che ha messo in ginocchio, dal punto di vista sanitario, sociale ed economico, tutto il mondo. 

È doveroso sottolineare che i bambini finora presi in osservazione sono stati considerati a basso rischio nonostante alcuni di loro siano risultati positivi al Coronavirus mentre altri sembra che lo avessero contratto precedentemente. Inoltre, sempre stando a quanto riporta HSJ, è probabile che il numero di bambini colpiti sia molto basso. 

L’allerta, emessa dai medici di base nel nord di Londra, parla di un’infiammazione dei vasi sanguigni: per questo motivo è stato consigliato di «riferire urgentemente dei bambini che dovessero presentare questi sintomi». Domenica sera, la Pediatric Intensive Care Society ha diffuso un “avviso urgente” che conteneva informazioni analoghe.

Infine, stando a quanto riferisce il Washington Post, la scorsa settimana ci sarebbe stato un aumento di ricoveri tra i bambini nell’ospedale pediatrico di Washington Dc.

Foto in copertina di Ansa

Il parere degli esperti:

Leggi anche: