Coronavirus, è il giorno della Fase 2. Una mamma in partenza da Milano: «Torno a Napoli, non vedo mio figlio da due mesi»

Da Roma a Milano la fase 2 sembra partire bene: file ordinate e pochi assembramenti

Treni vuoti, file ordinate, tante mascherine e pochi assembramenti. La Fase 2 dell’emergenza Coronavirus sembra partire bene. Alle 8.30 del tanto atteso 4 maggio, l’unica notizia di un «piccolo assembramento» arriva da Porta Genova, Milano, dove all’arrivo del primo treno di Trenord si è registrato «qualche momento di confusione».


Piazza Duomo, Milano | foto di Maria Pia Mazza

Secondo il racconto di alcuni passeggeri, si è «creato un effetto gregge» perché i pendolari scesi dal treno sono stati incanalati tutti in un unico sottopassaggio che porta alla metropolitana, poi sono stati aperti altri varchi e ora la «situazione è tranquilla», dicono gli addetti Atm. I passeggeri su treni bus indossano tutti la mascherina, pochi i guanti. Per quanto riguarda i treni, a bordo del primo treno Milano-Napoli erano in 192.

Ansa | Milano Cadorna

La maggior parte dei passeggeri era diretta in Campania e in Puglia. Per salire sul treno a Milano, si è creata una fila di un centinaio di persone per passare i controlli, ma gli addetti al controllo hanno assicurato che fosse «ordinata e distanziata». L’ultima a salire a bordo una donna napoletana. «Ho un figlio di otto anni che non vedo da due mesi, mi manca da morire», ha detto la donna agli agenti. Tra i passeggeri anche uno studente di design che abita a Firenze: «Non vedo i miei genitori da 60 giorni, non so se tornerò, anche se Milano mi ha dato tanto».

Ansa | Milano, Stazione centrale

Nelle stazioni gli annunci ricordano di non fare assembramenti e sui treni ci sono avvisi sulla necessità di indossare mascherina e guanti. Finora nessun assembramento è stato segnalato nelle stazioni di Cadorna e Garibaldi, di solito tra le più frequentate a Milano. «Abbiamo viaggiato in condizioni di sicurezza, sul treno c’erano pochissime persone», dice un uomo in arrivo a Cadorna. Nessuna coda è stata segnalata nemmeno sui bus a Milano.

Stazione metro: Duomo, Milano | foto di Maria Pia Mazza

Roma

Roma | foto di Giulia Marchina

Roma si è svegliata con un traffico intensificato rispetto ai giorni scorsi. Ma al momento la situazione è definita «scorrevole». Gli agenti stanno effettuando controlli, per evitare assembramenti, nei principali snodi ferroviari, così come nelle fermate della metro e dei bus.

Video di Giulia Marchina

I passeggeri sugli autobus stanno indossando mascherine. «Oggi in tutta Italia inizia la #Fase2 dopo il lockdown. È il momento di ripartire con prudenza ma soprattutto è il momento della responsabilità. Di tutti noi cittadini», ha twittato la sindaca Virginia Raggi.

Napoli

A Napoli si sta registrando un’affluenza sostenuta di viaggiatori in piazza Garibaldi. A bordo degli autobus sono ammessi non più di una ventina di passeggeri. Praticamente tutti i passeggeri indossano la mascherina, mentre anche qui sono in pochi a indossare i guanti. Mentre in stazione centrale medici dell’Asl e uomini della Protezione civile sono pronti per accogliere i passeggeri in arrivo dal Nord a cui verrà misurata la febbre e che dovranno poi sottoporsi a quarantena obbligatoria. Gli agenti di polizia verificheranno le motivazioni dei rientri. Nel corso della giornata, sono tre in totale i treni in partenza da Milano e in arrivo a Napoli.

Il parere degli esperti:

Leggi anche: