Coronavirus, le notizie dal mondo: Trump non licenzia Fauci ma lo mette da parte: nuova task force sulla riapertura

L’Oms ha smentito le autorità Usa sull’eventualità che il virus possa essere stato creato in un laboratorio di Wuhan: «Da tutte le prove viste, più di 15.000 sequenze genetiche, riteniamo che questo virus sia di origine animale»

Nel mondo i morti per il Coronavirus sono oltre 250mila, salgono a oltre 3,6 milioni i casi, secondo i dati della Johns Hopkins University. Gli Stati Uniti rimangono il Paese più colpito con 1,18 milioni contagi, seguono Spagna (oltre 218mila) e Italia (più di 213mila).

Usa

Ansa | Donald Trump

Nervi tesi alla Casa Bianca tra Donald Trump la il virologo Anthony Fauci. Il New York Times ha pubblicato un articolo secondo cui il presidente degli Stati Uniti sarebbe intenzionato a licenziare lo scienziato che in più di un’occasione lo ha contraddetto e corretto nel corso dell’emergenza Coronavirus. Dal servizio del quotidiano statunitense sembrava che l’idea della Casa Bianca fosse quella di chiudere poco a poco la task force, considerando esaurita la sua missione.

L’indiscrezione era arrivata da fonti dell’amministrazione Trump. Nel corso della giornata queste anticipazioni sono state in parte confermate ma in parte ribaltate: la task force attuale infatti è destinata a chiudere ma con l’idea di essere sostituita da un nuovo gruppo di esperti che si occuperanno non solo dell’esigenza sanitaria ma anche della riapertura. Trump ha confermato poi che anche in questa fase i due massimi esperti sanitari, Anthony Fauci e Deborah Brix, saranno consultati.

«Mike Pence e la task force – ha spiegato Trump – hanno fatto un gran lavoro ma ora stiamo guardando ad una forma un po’ diversa, che riguardi la sicurezza e la riapertura, e avremo probabilmente un gruppo differente preparato per questo. Missione compiuta? No, per nulla, solo quando sarà finita».

Il bilancio negli Stati Uniti

Nelle ultime 24 ore negli Stati Uniti sono morte 1.015 persone per il Covid-19, il dato più basso da un mese. La paura è però che i morti aumentino notevolmente in concomitanza con le riaperture di alcuni Stati. L’allarme è stato lanciato dal New York Times che ha diffuso nuove proiezioni dell’amministrazione Trump. Secondo i dati del quotidiano, entro giugno, le vittime quotidiane potrebbero raddoppiare, mentre entro la fine di questo mese i nuovi casi di contagio potrebbero raggiungere i 200mila.

Intanto l’Oms ha smentito le autorità Usa sull’eventualità che il virus possa essere stato creato in un laboratorio di Wuhan. «Da tutte le prove viste, più di 15.000 sequenze genetiche, ritengo che questo virus sia di origine animale», ha detto la dottoressa Maria Van Kerkhove dell’Organizzazione mondiale della sanità che ha confermato il legame con i pipistrelli.

Trump: «Riferiremo presto sulle origini del Coronavirus»

EPA/SHAWN THEW / POOL | Il presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti è tornato nuovamente sulla sua teoria, ripetuta a più riprese, secondo cui il SARS-CoV-2 sia stato creato in un laboratorio di Wuhan, focolaio primario della pandemia. Durante la conferenza stampa con i giornalisti Trump ha assicurato che verrà presto reso noto un rapporto che dovrebbe far luce sulle origini del virus, annunciando: «Riferiremo presto, in modo chiaro, le origini del virus».

Fauci smentisce Trump

EPA/KEVIN DIETSCH / POOL | Il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci

Il capo della task force della Casa Bianca, in un’intervista a National Geographic, si è mostrato dubbioso sull’eventualità che il virus possa essere stato creato in laboratorio. «Se si guarda all’evoluzione del virus nei pipistrelli e a cosa c’è là fuori adesso, le prove scientifiche vanno fortemente nella direzione che il virus non avrebbe potuto essere manipolato artificialmente o deliberatamente», ha detto Anthony Fauci, smentendo di fatto le autorità Usa. «Guardando all’evoluzione nel tempo tutto indica fortemente che questo virus si è evoluto in natura e poi ha saltato specie», ha aggiunto l’esperto di malattie infettive.

Regno Unito

EPA/ANDY RAIN/Londra

Sono saliti a 29.427 i morti nel Regno Unito per complicanze legate al Coronavirus, con un aumento di 693 decessi nelle ultime 24 ore. A riferire i dati è stato il ministro degli Esteri Dominic Raab, “primo ministro” pro tempore, in attesa del ritorno al lavoro di Boris Johnson. Una cifra ufficiale che conferma come il Regno Unito sia lo Stato europeo con il maggiore numero di decessi per Covid-19, superando anche l’Italia e, a livello globale, il Paese che si attesta al secondo posto al mondo dopo gli Stati Uniti per numero di vittime. 

Secondo le stime circolate nelle ore scorse, calcolate in base in base a un aggiornamento statistico dell’Ons, l’Istat britannico, si sosteneva che il Regno Unito avesse superato l’Italia per numero di morti da Coronavirus. La nuova stima, aggiornata al 27 aprile con l’aggiunta anche dei decessi classificati come casi sospetti di Covid-19 (casi che i conteggi di altri Paesi europei non inseriscono), faceva aumentare a 29.710 il numero dei decessi in Inghilterra e Galles. Un numero che superava i 32.000, includendo Scozia e Galles.

Corea del Sud

epa08385893 South Korean people wearing protective masks look a goods outside a store in Seoul, South Korea, 27 April 2020. EPA/JEON HEON-KYUN

Per il secondo giorno di fila la Corea del Sud ha registrato zero nuovi casi interni di Coronavirus. Con un totale di 10.804 infezioni, il governo ha deciso di allentare le regole sul distanziamento sociale consentendo il ritorno a scuola da mercoledì 13 maggio, parte del nuovo «schema di quarantena della vita quotidiana».

Germania

Ansa | Controlli della temperatura corporea in Germania

Il numero dei nuovi contagi in Germania continua ad esser contenuto intorno ai 600 e «questa è una notizia molto positiva». Il tasso di contagio R0 scende a 0,71 mentre il tasso di mortalità è salito invece al 4,2%. Lo ha detto il presidente del Robert Koch Institut, Lothar Wieler, in conferenza stampa a Berlino.

Il numero dei contagi aggiornato alla mezzanotte di oggi è 163.860 (e cioè +685 rispetto al giorno precedente, mentre le vittime sono 6.831. Secondo Wieler però è quasi certo che ci sarà una seconda ondata dell’epidemia: «La maggior parte degli scienziati è di questo avviso, e molti ritengono che ci sarà anche una terza ondata»

Il numero dei tedeschi che hanno contratto il Coronavirus potrebbe essere 10 volte maggiore rispetto ai dati ufficiali. A dirlo, i ricercatori dell’Università di Bonn: secondo i calcoli del team, mentre il conteggio ufficiale si aggira intorno ai 160.000 casi positivi totali, in realtà potrebbero essere stati infettati 1.800.000 tedeschi.

L’indagine si è svolta analizzando i tamponi eseguiti a Heinsberg, cittadina vicina al confine olandese, su 919 persone. È una delle aree più colpite della Germania: a causare una diffusione anomale del è stata la celebrazione del carnevale, molto partecipata. Le proporzioni del contagio dedotte su Heinsberg, considerando le persone asintomatiche e paucisintomatiche, sono di almeno dieci volte superiori ai dati ufficiali.

Spagna

Ansa | Spagna

Sono 185 i morti da Coronavirus in Spagna nelle ultime 24 ore, in leggero aumento rispetto i giorni precedenti quando le vittime si sono mantenute intorno a 160. I casi complessivi sono 219.329, sono 867 i contagi registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati riportati da El Pais.

Russia

EPA/YURI KOCHETKOV/Mosca, Russia

Sono 10.102 i nuovi casi di Coronavirus accertati nelle ultime 24 ore in Russia, un po’ meno dei 10.581 nuovi contagi annunciati ieri e dei 10.633 di domenica, che rappresentano il numero più alto di contagi giornalieri finora registrato nel Paese. In totale, stando ai dati ufficiali, i casi di Covid-19 in Russia dall’inizio dell’epidemia sono 155.370. Le vittime del nuovo virus sono ufficialmente 1.451, di cui 95 decedute nelle ultime 24 ore.

Brasile

Ansa | Manifestanti in Brasile

In Brasile in 24 ore sono morte 263 persone per il Coronavirus, il totale delle vittime sale a 7.288. Sono 4.075 i contagi accertati per un totale di 105.222. Il tasso di mortalità è del 6,9%.

Leggi anche: