La samba triste del Coronavirus in Brasile: la strage che mette in ginocchio le scuole storiche di Rio

Ognuna delle 12 scuole di samba delle più importanti zone di Rio impiega circa 300 persone

Si chiamava Álvaro Silva, aveva 76 anni e faceva il percussionista. È morto il 19 aprile, dopo 10 giorni di ricovero in un ospedale nella zona ovest di Rio de Janeiro, in Brasile, dopo aver contratto il Coronavirus. La sua vita l’aveva spesa vivendo a Madureira – un quartiere popolare considerato la “culla della samba” di Rio – e lui stesso era un irriducibile sostenitore della scuola di samba locale, Portela.

Come Álvaro, a Rio sono morte più di 1.400 persone, molte delle quali erano ballerini di samba. Edinho Cohab, un compositore di Padre Miguel, altro quartiere di Rio. Lascia moglie e due figlie. Anche lui aveva contratto il virus. Poi Tânio Mendonca, un compositore di 52 anni, si trova in condizioni critiche dopo essersi ammalato. Altri sambisti sono rintanati a casa. «Ho 87 anni e non esco», ha detto Noca da Portela, compositore. “La samba è la nostra gioia, e il motivo per cui ho vissuto così a lungo», ha aggiunto. «Non posso perdere la vita per questo virus».

Poche settimane fa Álvaro aveva voluto assistere alla parata di Carnevale della sua città, mentre i sui allievi scendevano per le strade della città brasiliana. «Era così pazzo di Portela che anche quando le loro sfilate sono andate male era felice comunque», ha detto sua moglie, la stilista e ballerina Veridiana da Conceiçã, al Guardian. Ma il carnevale di quest’anno è stato l’ultimo per lui. 

Jorge Castanheira, presidente della Lega Indipendente delle scuole di samba di Rio de Janeiro, ha detto che non sa quale sarà il destino del Carnevale, ma che è ancora troppo presto per annullare la prossima edizione. «Al momento tutto ciò di cui possiamo preoccuparci è salvare vite». I costumisti delle scuole di samba hanno messo a disposizione le sartorie per produrre mascherine che vengono distribuite con pacchi di cibo ad alcuni dei residenti più poveri della città.

Colpiti i quartieri più poveri

Il Brasile, ad oggi, conta oltre 9 mila morti, ed è uno dei paesi più colpiti al mondo. Tra i quartieri più benestanti di Rio, dove molti hanno accesso agli ospedali privati, la percentuale di coloro che muoiono dopo essere stati infettati è di circa il 6,5%, mentre nei distretti occidentali più poveri è oltre il 20%. Nella più grande favela di Rio, Rocinha, 30 delle 84 persone contaminate hanno perso la vita mentre a Gávea, il ricco quartiere accanto, due su 48 pazienti sono morti, secondo l’ONG Voz das Comunidades.

Ognuna delle 12 scuole di samba delle più importanti zone di Rio impiega circa 300 persone, senza considerare le altre 69 scuole “secondarie” di samba. «Stiamo parlando di elettricisti, ingegneri, falegnami, sarte, falegnami, pittori, tecnici della sicurezza, vigili del fuoco, commercialisti, avvocati, addetti alla reception, facchini», ha detto Marco Antônio Marino, il 44enne direttore del carnevale di Mocidade – un membro del scuola da quando aveva sette anni. «Senza carnevale, Rio de Janeiro si fermerà».

Leggi anche: