Salvini: «Posso togliere la mascherina mentre parlo con una signora?». L’ingrato compito di Floris: «No»

Tocca al conduttore di Dimartedì dover ricordare al leader della Lega che la mascherina va indossata in pubblico, soprattutto quando non si può stare alla giusta distanza

Se non fosse che a parlare è un ex ministro dell’Interno e leader del principale partito in Italia, si potrebbe pensare a una gag. E invece lo scambio a tratti surreale sull’uso delle mascherine tra Matteo Salvini e il conduttore di Dimartedì, Giovanni Floris, ieri 9 giugno su La7 non aveva nessuna ambizione comica.


Nel corso dell’intervista all’ex vicepremier, si discute dell’ultimo flash mob organizzato dal centrodestra, dove le distanze sociali imposte dall’emergenza Coronavirus sono più volte saltate. Per non parlare dell’uso della mascherina, opzionale in diverse occasioni, soprattutto da parte dello stesso Salvini, beccato dalle telecamere dei tanti giornalisti presenti mentre toglieva e metteva la mascherina quando veniva avvicinato da altre persone.

Ne sono seguite polemiche per le quali Salvini non trovava spiegazione, minimizzando al punto da chiedersi se addirittura avesse dovuto tenere la mascherina mente parlava con una signora. Ed è toccato a Floris l’ingrato compito di dovergli ricordare quali sono le indicazioni, ormai ripetute fino alla noia da quando la pandemia è scoppiata: «Se non è a un metro e mezzo» la mascherina va tenuta. Repetita iuvant.

Leggi anche: