Elodie difende Sergio Sylvestre e attacca Salvini: «Piccolo uomo»

«Sono schifata nel leggere commenti razzisti. Sergio era emozionato, e voi l’avete offeso», ha scritto la cantante su Instagram

Nella polemica sul cantante Sergio Sylvestre, criticato per la sua esibizione prima della finale della Coppa Italia, interviene anche la cantante Elodie che attacca Matteo Salvini, definendo un «piccolo uomo». Salvini infatti è intervenuto nella polemica su Sylvestre, postando la sua esibizione su Twitter con le parole: «Sbaglia L’Inno e saluta col pugno chiuso, ma dove l’han trovato? Povera Italia!». Immediato il commento dell’ex concorrente di Amici: «Non perde mai l’occasione di dimostrare quello che è, un piccolo uomo».

Elodie ha difeso Sergio anche su Instagram: «Sono schifata nel leggere commenti razzisti. Sergio era emozionato, e voi l’avete offeso. Non ve lo meritavate un Inno nazionale cantato da Sergio, questo è il problema. Sono schifata, mortificata, dispiaciuta. Questo è fare del male alle persone gratuitamente. Siete delle brutte persone. Delle m.., anzi».

Le polemiche sull’esibizione

Nella giornata di ieri, 18 giugno, l’esibizione di Sergio era diventata virale sui social tra chi l’ha accusato di aver dimenticano alcune parole dell’Inno e chi invece l’ha difeso dalle critiche, tra cui anche la cantante Emma Marrone: «È meglio stare zitti e sembrare stupidi che twittare insulti e togliere ogni dubbio. Un bacio enorme a Sergio! Sei una roccia». Il cantante si è difeso dalle critiche, dicendo di non aver «dimenticato le parole», ma di essersi «bloccato dall’emozione».

«Non sono mai stato così emozionato, neanche ad Amici o Sanremo, è stata una cosa incredibile vedere uno stadio così vuoto e sentire un’eco fortissima. Mi sono bloccato perché mi veniva una tristezza molto forte, sono una persona sensibile. Mi sono bloccato non perché ho dimenticato le parole, ma vedere un palco così vuoto è un peccato», ha detto Sylvestre.

La querelle con Salvini

Al post di Salvini, ha risposto lo stesso Sergio sul Corriere della Sera. «Dovrebbe cercare di capire cosa significa quel pugno o un movimento come il Black Lives Matter. In generale, dovrebbe informarsi meglio su cosa significa essere nero». Il cantante ha anche invitato il leader leghista a chiamarlo «Se ha qualche dubbio sul significato del mio pugno».

Salvini, dal lato suo, ha mostrato poi toni più concilianti e sui social ha scritto: «Lo chiamerò sicuramente, adoro la musica in ogni sua forma, con ogni voce. Odio e combatto la violenza in ogni sua forma, sono convinto che ogni vita conti AllLivesMatter. P.s. Attendo che un italiano, bianco o nero che sia, canti presto l’inno USA al Superbowl».

Leggi anche: