De Luca: «In Campania rinvio dell’apertura delle scuole al 24 settembre». Test sierologici obbligatori per prof e personale scolastico – Il video

Il monitoraggio dei contagi per le scuole campane sarà obbligatorio per tutti i dipendenti, a differenza di quanto stabilito dal ministero dell’Istruzione

In Campania l’inizio delle scuole sarà rinviato al 24 settembre: a garantirlo è il governatore Vincenzo De Luca, annunciando che «Nella riunione di Giunta fissata per oggi pomeriggio decidiamo il rinvio della data di inizio dell’anno scolastico insieme ad altre misure di prevenzione». «Accogliamo la richiesta che ci è stata fatta dai comuni, dall’Anci l’associazione dei comuni, da tutti i sindacati della scuola», ha detto De Luca. «Sapete che abbiamo avuto incontri di recente con tutte le componenti scolastiche e nell’ultimo incontro che abbiamo avuto è stato rilevato che non vi sono tutte le condizioni per aprire il 14 settembre».


Lo stesso De Luca ha detto i test sierologici riservati a docenti e personale non docente saranno obbligatori. Mentre nelle altre regioni il monitoraggio dei contagi di Coronavirus in vista del ritorno a scuola è previsto in forma volontaria, il presidente della Campania ha annunciato che «lo screening sierologico per tutto il personale scolastico sarà obbligatorio». Durante un evento a Salerno, De Luca ha spiegato che la Regione ha approvato un «piano per lo screening che consentirà di affiancar il lavoro dei medici di medicina generale e di avere i tamponi con i risultati definitivi già entro le 24 ore».

Il piano di screening in Campania sarà affiancato anche dall’arrivo negli istituti scolastici dei termoscanner, per la rilevazione della temperatura direttamente all’ingresso delle scuole: «Perché ci è parsa poco credibile l’idea del ministro di misurare la temperatura degli alunni a casa – ha aggiunto De Luca – Credo che tutti quanti noi sappiamo come rivive nelle famiglie alle 7:30 del mattino».

Leggi anche: