Suárez, addio in lacrime al Barcellona: «Sono state dette tante bugie nell’ultimo mese». Ma sull’esame neanche una parola – Il video

L’attaccante lascia i blaugrana per trasferirsi all’Atletico Madrid: «Questa fase della mia carriera è finita, sono orgoglioso di tutto quello che ho fatto e sarò per sempre grato al Barcellona»

Luis Suárez, attaccante finito al centro della bufera che ha travolto l’Università per Stranieri di Perugia, ha detto addio al Barcellona per trasferirsi all’Atletico Madrid. Nel corso della conferenza stampa organizzata dal club catalano, il calciatore uruguaiano non è riuscito a trattenere le lacrime.


«Questa fase della mia carriera è finita, sono orgoglioso di tutto quello che ho fatto e sarò per sempre grato al Barcellona», ha promesso Suárez, reggendo a stento il microfono davanti alle telecamere. Nessuna menzione è stata fatta all’esame di Perugia di cui si discute in Italia. L’attaccante, dal 2014 in poi, ha disputato 283 partite con la maglia blaugrana, segnando 198 gol.

Durante l’incontro con i giornalisti, Suárez ha voluto rievocare quanto accaduto nell’ultimo mese: «Sono state dette tante bugie. Il mio rapporto con Messi tutto il mondo lo conosce. Qui ho trovato degli amici e sono stato felice. Il club aveva bisogno di cambiare, me ne vado con la sensazione di aver fatto il mio percorso. Credo di non potermi rimproverare nulla: ho giocato anche quando non stavo bene, ma se devo fare un’autocritica penso alle eliminazioni in Champions».

Video: @KesmanAlberto / Twitter

Leggi anche: