Al via il piano Cashless dal 1° dicembre: premi di 3.000 euro e sconti del 10% per chi paga con carta di credito

Il progetto, presentato a ottobre 2019 e slittato causa pandemia, è considerato dal governo un’arma fondamentale per la lotta all’evasione fiscale

Arrivano premi dal governo per chi utilizza la carta di credito. Il piano Cashless ha l’obiettivo di scoraggiare il ricorso al contante e di incentivare i pagamenti elettronici. Il come è presto detto. Dal 1° dicembre per chi utilizzerà moneta elettronica verrà previsto uno sconto del 10% sulle spese di qualsiasi tipologia, dal ristorante al supermercato.


Un’arma secondo il governo fondamentale per la lotta all’evasione di cui lo stesso premier Giuseppe Conte ha parlato in un’intervista a La Stampa. Il progetto Italia Cashless era stato presentato ad ottobre 2019 sotto il nome di bonus Befana e poi slittato per l’emergenza Covid-19. Dunque, carte di credito ma anche bancomat, bonifici bancari e app telefoniche saranno coinvolte nel progetto incentivi, a differenza degli acquisti fatti su Internet, per loro natura già digitali e quindi non soggetti a eventuali evasioni.

Il rimborso per tutti gli altri tipi di spesa sarà di un massimo di 300 euro e sarà concesso a chi spenderà fino a 3.000 euro. Si parla di 3 miliardi di euro che verranno impiegati ogni anno per premi e rimborsi, che come ha fatto sapere Gualtieri, potranno avvenire anche in due tranche con un tetto di 1.500 euro a semestre.

Oltre all’incentivo del 10% sarà previsto anche un particolare premio per i 100mila cittadini che useranno maggiormente il pagamento elettronico. Ai più “bravi” dunque, con il numero di transazioni più alte e a prescindere dalla spesa, verrà elargito un rimborso di 3.000 euro l’anno. Non solo. Con la cosiddetta “lotteria degli scontrini” verranno messi in palio 50 milioni di euro per gli utilizzatori di moneta elettronica. Dal primo gennaio 2021 si potranno vincere a persona anche fino a 5 milioni di euro.

Leggi anche: