In Lombardia coprifuoco dalle 23 alle 5, spostamenti notturni solo con autocertificazione. Firmata l’ordinanza

Torna l’autocertificazione per gli spostamenti notturni, come già accaduto durante il lockdown. Le misure sono valide fino al 13 novembre

Tutto come previsto. Alla fine è arrivata l’ordinanza della Regione Lombardia che prevede un coprifuoco dalle 23 alle 5 del mattino a partire da giovedì 22 ottobre. Si potrà uscire di casa solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e urgenza o per motivi di salute. Rimane sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza. Servirà mostrare un’autodichiarazione per certificare gli spostamenti, come già avvenuto durante il lockdown, nella prima fase della pandemia del Coronavirus.


Il documento

Misure valide fino al 13 novembre

Queste, dunque, sono le misure contenute nella nuova ordinanza della Regione Lombardia, già firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza e dal presidente della Regione Attilio Fontana. Misure che saranno valide fino al 13 novembre 2020.

Le sanzioni

Eventuali sanzioni sono quelle previste dal decreto dello scorso 25 marzo sull’emergenza Covid-19. Come anticipato, si tratta di una decisione intrapresa con l’analisi delle proiezioni sui contagi che a fine mese arriverebbero, se non si riuscirà a invertire o almeno rallentare la curva, alle cifre spaventose di 4 mila ricoveri nei normali reparti e a circa 500 persone in rianimazione.

Il presunto stop di Salvini

Infine, in merito al presunto stop di Matteo Salvini all’ordinanza della Regione Lombardia, fonti della Lega fanno sapere che l’ex ministro dell’Interno, ieri in videoconferenza con Fontana e con i dirigenti lombardi del partito, ha parlato solo di «interventi a favore di famiglie, imprese e pendolari anche per riparare le gravi mancanze del governo, non di altro».

Foto in copertina di repertorio: ANSA/PAOLO SALMOIRAGO

Leggi anche: