Protesta e rabbia a Roma dopo il coprifuoco: bombe carta a piazza del Popolo e scontri con la polizia – Il video

Scoppiano le proteste anche a Roma: scontri a Piazzale Flaminio dopo lo scattare del coprifuoco

Dopo i disordini di Napoli, che hanno visto l’esasperarsi di situazioni di disagio economico e sociale in scontri e atti di violenza, anche a Roma sono partite le manifestazioni. Con lo scattare del coprifuoco contro il Coronavirus alle 23, a Piazza del Popolo i manifestanti non hanno sciolto la protesta contro il nuovo Dpcm e le tensioni con la polizia sono esplose.


Le forze dell’ordine hanno caricato i partecipanti con l’intento di disperderli, allontanando i presenti verso piazzale Flaminio. Durante i momenti di disordine, sono stati incendiati anche alcuni cassonetti. Secondo quanto appreso dall’Ansa da fonti di polizia, ci sarebbe qualche fermato.

La piazza

C’era chi inneggiava contro la dittatura sanitaria, chi protestava contro il coprifuoco e l’ipotesi di un lockdown, chi contestava le misure inefficaci prese dal governo. A giocare un ruolo fondamentale anche la pressione psicologica, cavalcata spesso dai movimenti di estremismo politico (sia a Napoli che a Roma c’era Forza Nuova), alla quale le autorità non hanno saputo ancora far fronte.

Immagine di copertina: ANSA/CLAUDIO PERI

Leggi anche: