Coronavirus, in Germania chiudono i bar e i ristoranti per 30 giorni. Negli Usa 500 mila casi in una settimana

Il governo federale tedesco proporrà oggi ai presidenti dei Land una nuova stretta su locali e riunioni, con l’obiettivo di frenare la nuova ondata di contagi che punta a 20 mila casi al giorno entro la fine della settimana. Negli Stati Uniti le infezioni tornano a crescere rapidamente, imponendo ai governatori nuovi limiti agli orari di bar e ristoranti

Germania

EPA/HAYOUNG JEON | Gente a passeggio con la mascherina per le vie dello shopping a Berlino

Anche la Germania si prepara a nuove restrizioni per contenere i contagi di Coronavirus con un «lockdown light», come lo definiscono i media tedeschi. Secondo il quotidiano Bild, nel vertice previsto oggi con i presidenti dei Land, la cancelliera Angela Merkel proporrà la chiusura di ristoranti e bar, oltre che nuovi limiti più stringenti per le riunioni private e pubbliche. Restano aperte le scuole, asili nido e negozio al dettaglio. Così come ha già deciso il governo italiano con l’ultimo Dpcm del presidente del Consiglio Conte, il governo tedesco punta a fare: «Passi rapidi per spezzare la nuova ondata di infezioni», ha detto il ministro delle Finanze, Olaf Scholz, citato dal Guardian.


La riunione tra governo e Land si preannuncia infuocata, con i presidenti delle regioni meno colpite al momento dai contagi che potrebbero rifiutarsi di applicare le indicazioni del governo federale, avendo l’ultima parola sulle restrizioni da applicare nel proprio territorio. Tra loro si è già fatto avanti il presidente della Turingia, Bodo Ramelow, contrario al «lockdown light» ipotizzato da Merkel. I dati su contagi e ricoveri in ospedale aumentano però la pressione sulle istituzioni tedesche, con i casi che marciano a una media di 10 mila al giorno, secondo l’Istituto Robert Koch. Secondo il ministro dell’Economia, Peter Altmaier, in Germania la «crescita esponenziale» dei contagi potrebbe portare a 20 mila casi al giorno entro la fine della settimana.

Usa

EPA/TANNEN MAURY | Transennato il Cloud Gate di Chicago per evitare assembramenti tra i turisti

Il virus si sta diffondendo con nuova rapidità negli Stati Uniti, dove nell’ultima settimana sono stati raggiunti i 500 mila casi, con una media giornaliera anche questa da record di 71 mila casi, il 40% in più rispetto alla media delle due settimane precedenti, secondo il conteggio del New York Times. Una crescita che arriva mentre diversi Stati stanno introducendo nuove restrizioni sulla socialità. Il governatore dell’Illinois ha annunciato la chiusura obbligatoria alle 23 per bar e ristoranti a Chicago dalla mezzanotte del 30 ottobre. Una decisione già presa avviata a New York e nel Wisconsin, dove sono state imposte nuove restrizioni sugli orari di apertura per le attività di ristorazione.

Leggi anche: