Coronavirus, si allungano i tempi per il vaccino Oxford-Astrazeneca. Biden conferma Fauci nel suo staff: «Nei primi 100 giorni cambiamo rotta alla pandemia»

di Redazione

Nel primo studio sottoposto a revisione paritaria su Lancet, i ricercatori dell’Università di Oxford ammettono che sarà necessario ulteriore lavoro per confermare l’efficacia del vaccino al 90%. Negli Usa Biden presenta la sua squadra sanitaria

Regno Unito

EPA/OXFORD UNIVERSITY / JOHN CAIRNS | Una delle prime dosi del vaccino Oxford-Astrazeneca presentata a novembre

Per gli scienziati dell’Università di Oxford sarà necessario: «ulteriore lavoro per determinare il meccanismo per una maggiore efficacia» del vaccino contro il Coronavirus sviluppato con la società farmaceutica AstraZeneca. Lo riportano i ricercatori britannici nel primo studio pubblicato su The Lancet sottoposto a una revisione paritaria, a due settimane dall’annuncio sull’efficacia raggiunta al 90% ma con la combinazione di due diverse dosi del farmaco. Non arrivano per ora le risposte attese che avrebbero potuto accelerare l’arrivo del vaccino, da affiancare a quello di Pfizer che nel Regno Unito è già stato somministrato ieri ai primi volontari.


Durante la sperimentazione del vaccino Oxford-AstraZeneca, agli 8.900 volontari sono state somministrate due dosi complete, ottenendo un’efficacia del 62%. Ma nei diversi metodi usati è emersa una discrepanza nella misurazione della concentrazione della particelle virali nel vaccino, riporta il New York Times, perciò a 2.741 volontari è stata somministrata mezza dose dopo una completa. In quel caso l’efficacia è arrivata al 90%. Una quota di volontari ancora bassa per determinare con certezza la bontà del metodo, che richiederà quindi ulteriori conferme.


Usa

Jim WATSON / AFP | Il presidente eletto Usa Joe Biden

Il presidente eletto Joe Biden ha presentato per la prima volta la sua squadra di esperti sanitari che sarà impegnata a gestire la pandemia dal prossimo gennaio. A Wilmington, nel Delaware, Biden ha anche anticipato i punti principali della sua strategia contro il Coronavirus, a cominciare dal piano vaccinale, per il quale conta di distribuire 100 milioni di dosi nei primi 100 giorni: «Questo periodo non porrà fine al virus, non posso prometterlo – ha detto Biden – ma possiamo cambiare il corso della malattia e cambiare in meglio la vita in America».

Nello staff sanitario della nuova amministrazione americana ci sarà il procuratore generale della California, Xavier Becerra, prossimo ministro della Sanità, mentre viene confermata la presenza dell’infettivologo Anthony Fauci, che sarà il principale consulente medico della Casa Bianca, mantenendo la d’ideazione dell’istituto nazionale di allergie e malattie infettive.

Leggi anche: