Il Nord si risveglia con la neve: imbiancate Milano, Torino e Genova, disagi sulle strade – Le immagini

di Redazione

Le compagnie ferroviarie hanno già annunciato ritardi e modifiche nelle corse. Disagi anche sulle strade mentre l’Arpa assicura che le nevicate dovrebbero finire già nel pomeriggio

Risveglio con neve per Milano e buona parte della Lombardia dove da ieri sera, 27 dicembre, è cominciata la nevicata. Con i rientri al lavoro del primo lunedì dopo le festività natalizie, non sono mancati i disagi sulle strade, soprattutto nelle vie secondarie meno coperte dai mezzi spargisale. Secondo l’Arpa, a partire dal pomeriggio di oggi, 28 dicembre, le nevicate dovrebbero terminare almeno in pianura, mentre sui rilievi proseguiranno fino a domani 29 dicembre.


Neve anche in Piemonte dove Torino si è risvegliata imbiancata con almeno 4 centimetri di neve, mentre nel basso Alessandrino si arriva a 30 centimetri. I primi disagi si sono registrati sulle autostrade in provincia di Cuneo in direzione Liguria. Sospesi i primi treni regionali da Torino verso Milano e altri 38 nel resto del Piemonte. Anche l’intera provincia di Bergamo si è risvegliata coperta dalla neve. Dalle valli alla pianura al capoluogo, tetti e strade sono imbiancati. In pianura raggiunti i 10 centimetri di coltre nevosa.

Le foto di Milano

Durante la notte tra il 27 e il 28 novembre, il capoluogo lombardo si è riempito di neve. Sui social gli utenti hanno postato decine di foto e video. La prima nevicata c’era stata il 2 dicembre: in quel caso, però, non aveva lasciato tracce.


Valtellina imbiancata, a Bormio rinviato il Super G

Disagi per la viabilità

La neve non porta però solo l’entusiasmo del paesaggio imbiancato. Su tutta la regione si registrano disagi per i trasporti, nonostante da ieri notte si sia provveduto a intervenire con mezzi spargisale sulle strade (soprattutto tangenziali e cavalcavia). Le compagnie ferroviarie – in primis Trenord – hanno annunciato modifiche e ritardi nelle corse dei treni, e i gestori delle infrastrutture Rfi e FerrovieNord hanno previsto l’attivazione del piano d’emergenza, che prevede la limitazione del servizio ferroviario su tutte le linee. Sarà comunque garantito almeno un treno l’ora per le principali tratte.

Disagi sono stati registrati anche a Genova e nel Basso Piemonte. Nel capoluogo ligure, infatti, sono caduti circa 2 cm di neve. Nel porto i tir vengono tenuti fermi per evitare la congestione del traffico ordinario mentre in A10 è stato chiuso per un’ora il casello di Genova-Pra’ per consentire la pulizia della carreggiata. Problemi, poi, nel Basso Piemonte con code e rallentamenti sulla A26, all’altezza del bivio con la A7. Sulla A6 Torino-Savona è entrato in vigore il blocco dei tir sopra le 7,5 tonnellate diretti a Savona che devono uscire a Carmagnola. Rischio gelo sulla A32 Torino-Bardonecchia.

Video: Twitter / @duca86
Immagine di copertina: Twitter / Massimo Sertori

Leggi anche:

Redazione