Coronavirus, vaccinati quasi 10 mila italiani. In arrivo altre dosi

Un dato che va oltre il 100% delle 9.750 fiale distribuite: è infatti possibile ottenere almeno 6 dosi da ogni flaconcino al posto delle cinque inizialmente previste

Dopo tre giorni dal V Day del 27 dicembre, in Italia ha preso al via oggi il programma di vaccinazioni di massa contro il Coronavirus. Secondo una nota inviata dall’ufficio stampa del commissario straordinario all’emergenza, alle ore 19 del 30 dicembre sono 9.803 le persone che hanno già ricevuto la loro dose di vaccino, un dato oltre il 100% delle 9.750 fiale distribuite. Come spiegato dall’Agenzia italiana del farmaco è infatti possibile ottenere almeno 6 dosi da ogni flaconcino del vaccino Pfizer-Biontech: da ogni fiala è possibile quindi ricavare una dose in più rispetto alle cinque inizialmente previste e indicate dal produttore, usando il siero che resta in ogni fiala grazie a una modalità approvata negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration, l’ente a stelle e strisce che si occupa di farmaci. E grazie alle siringhe di precisione acquistate dall’Italia e su cui pure non erano mancate le polemiche.


Proprio di vaccino Pfizer-Biontech sono state consegnate oggi, 30 dicembre, nei punti di somministrazione individuati dal Commissario straordinario, Domenico Arcuri, ulteriori 359.775 dosi. La consegna delle altre 110.175 dosi proseguirà domani fino ad arrivare al totale di 469.950 previsto per questa settimana. Intanto, dall’Ema, l’agenzia europea del farmaco, si attende il via libera all’utilizzo del vaccino Oxford-AstreZeneca. «Per il momento siamo in grado di vaccinare circa la metà degli italiani, ovvero circa 20 milioni, nei primi 6 mesi del 2021», ha chiarito all’Ansa Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute e professore di Igiene e Medicina preventiva alla Cattolica. L’incertezza sull’arrivo del vaccino Oxford-AstraZeneca «sarà compensato – assicura – da ulteriori dosi Pfizer. Dei 100 milioni di dosi Pfizer ulteriori opzionate dall’Ue 13,4 milioni andranno all’Italia».

Leggi anche: