Superati i 100 mila vaccini somministrati in Italia. La Lombardia è ferma al 3,8%

La regione che ha somminsitrato la percentuale più alta di dosi in suo possesso è il Lazio, arrivato al 48,5%. Fra le regioni in cui la campagna stenta a partire ci sono anche Valle d’Aosta, Sardegna, Calabria e Molise

Secondo gli ultimi dati pubblicati da Palazzo Chigi, il numero delle vaccinazioni in Italia per il Coronavirus è arrivato a 109.454. Al momento sono 479.700 le dosi a disposizione del servizio sanitario nazionale. La regione ad aver distribuito più dosi è il Lazio, arrivata a 22.225 iniezioni. Il 48,5% delle dosi di vaccino a disposizione. Fra le regioni in cui il piano vaccini sta partendo più lentamente c’è sempre la Lombardia, ferma al 3,8% delle dosi consegnte. Un dato che ha scatenato anche uno scontro fra l’assessore al Welfare della Regione Giulio Gallera e la Lega.


Fra i territori con la percentuale più alta di vaccini distribuiti c’è anche il Veneto, al 40,3% di dosi già somministrate, e la Provincia Autonoma di Trento, che invece è arrivata al 45,1%. Insieme alla Lombardia sono indietro nel piano vaccinale anche la Valle d’Aosta, 4,4%, la Sardegna, 3%, la Calabria, 3,5% e il Molise, fermo all’1,7%. Secondo il dato di Palazzo Chigi al momento sono state vaccinate 65.515 donne e 43.939 uomini.


Leggi anche: