Coronavirus, in Veneto 10 decessi in 24 ore. Zaia contro la Campania sull’acquisto di vaccini: «Perché noi messi alla gogna e loro no?»

Da giovedì via alla nuova piattaforma di prenotazione: «Procedura semplicissima, impiegherà 50 secondi al massimo»

Sono 728 i nuovi contagi da Covid-19 registrati dal bollettino del Veneto di oggi 29 marzo. Come sempre dopo il weekend, i dati sono in calo rispetto al giorno precedente (1.404 segnalati ieri) con un numero esiguo di tamponi effettuati, circa 14 mila. I ricoverati totali della Regione sono 2.176 con +59 unità rispetto a ieri. I pazienti in area non critica sono 1.881 (+49), +295 (+10) quelli in terapia intensiva. Sul fronte dei decessi sono 10 le vittime nelle ultime 24 ore, per un totale di 10.538 morti dall’inizio del monitoraggio.


Il presidente del Veneto Luca Zaia in diretta dalla sede della Protezione Civile di Marghera ha dichiarato di voler garantire la vaccinazione a tutti i veneti entro giugno. «Abbiamo 1.300 persone schierate tutti i giorni: siamo i primi d’Italia per le somministrazioni» ha detto il presidente, sottolineando come l’esperimento della chiamata per classi d’età stia funzionando. «Ieri è andata bene perché su 3.426 persone della classe 1936 sono state vaccinati il 74% e 768 accompagnatori, per lo più coniugi». Un modello che Zaia definisce «da applicare e tenere in piedi come valido sistema alternativo». La fornitura di dosi rimane una delle richieste più urgenti da parte della Regione, che nella giornata di ieri si è visto sbloccare dalla Procura anche il lotto AstraZeneca di Biella: «22mila vaccini che saranno presto disponibili».

«Via a nuovo sistema di prenotazione»

Il presidente Zaia ha poi mostrato in diretta la procedura che da giovedi tutti i cittadini veneti potranno seguire sul nuovo portale di prenotazione per le vaccinazioni anti Covid. «Attualmente ci sono molti modelli: ogni Ulss ha le sue modalità e le sue regole, ma vogliamo una modalità di prenotazione per tutti uguali. Il sistema unitario che entrerà in funzione tra tre giorni». Non sarà necessario inserire nome e cognome né mail ma soltanto il codice fiscale: «Una procedura semplicissima che impiegherà 50 secondi al massimo». Da giovedì si potrà prenotare anche tramite le farmacie garantendo il presidio «anche dei paesini più dispersi». L’accordo siglato prevede un compenso a prenotazione erogato dalla Regione che va dai 2,90 euro per le grandi farmacie ai 3,10 euro per le attività più piccole e periferiche.

«Sull’acquisto vaccini abbiamo il primato»

Zaia ha poi aggiunto: «Non ho niente contro la Campania, ma perché noi che abbiamo comunicato ad Aifa molti giorni prima i nostri contatti per l’acquisto delle dosi siamo stati messi alla gogna e con loro che si muovono e addirittura ringraziano l’ambasciatore nessuno ha niente da dire?». Parlando dell’incontro tra governo e Regioni di oggi pomeriggio, il governatore ha detto: «Sarà il Veneto a mettere sul tavolo di nuovo la questione dell’acquisto autonomo dei vaccini», ha anticipato il governatore.

Leggi anche: