Renzi e Letta si incontrano dopo cinque anni: intesa per un fronte comune alle amministrative d’autunno

Dal faccia a faccia tra i due è uscito anche un convinto appoggio al premier Draghi fino alla fine della legislatura

Enrico Letta e Matteo Renzi si sono incontrati nella mattina di oggi, 6 aprile, per discutere delle future alleanze tra il Partito Democratico e Italia Viva. I due non si vedevano da cinque anni: una rottura provocata da quell’«Enrico stai sereno» mandato a dire da Renzi a gennaio 2014 e che precedette la caduta del mandato di Letta a Palazzo Chigi. Nonostante le ormai note ruggini tra loro, secondo quanto ha appreso Open è stato un incontro senza tensioni. Il faccia a faccia è durato 40 minuti e si è tenuto nella sede Arel. «Ci siamo rivisti dopo tanti anni, abbiamo affrontato varie questioni», ha detto Renzi a L’Aria che tira su La7. «Letta sta cercando di fare un lavoro molto serio nel Pd, gli faccio sinceramente auguri di buon lavoro».


Il do ut des sulle elezioni comunali

Renzi e Letta hanno fatto un’analisi a tutto campo e hanno convenuto sul fatto che in questo momento lo sforzo prioritario debba essere sul sostegno alla campagna vaccinale del governo e alle azioni di sostegno economiche. Ne è uscito un convinto appoggio al presidente del Consiglio Mario Draghi fino alla fine della legislatura e la disponibilità a presentare candidature comuni del centrosinistra alle elezioni amministrative del prossimo autunno. In particolare, Letta ha chiesto a Renzi di appoggiare i candidati del Pd, e il fondatore di Italia Viva ha accettato. In cambio Renzi ha chiesto un candidato per il suo partito: a Bologna, in particolare, potrebbe essere indicata l’attuale sindaca di San Lazzaro di Savena, Isabella Conti.

Le divergenze sul M5s

Non solo concordia, comunque: nel dialogo tra i due è emersa una divergenza profonda sul rapporto da avere con Giuseppe Conte e il Movimento 5 Stelle. Per Letta si tratta di un’alleanza essenziale per costruire in prospettiva un’alternativa vincente a Fratelli d’Italia e Lega, mentre Renzi resta contrario. «Il mio posizionamento da qui al 2023 sia né con Salvini né con Meloni a destra, ma nemmeno con grillini e populisti a sinistra», ha detto Renzi a L’Aria che tira su La 7 dopo l’incontro. «Letta cerca un’alleanza strategica con M5s e Conte, vedremo chi avrà ragione».

Immagine di copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Leggi anche: