Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il video del falso vaccino anti-Covid che attira un magnete

Ecco perché nel dubbio è sempre meglio non condividere

Succede sempre così: «nel dubbio», invece di aspettare di avere conferme, si condivide. In questo modo anche delle burle finiscono per diventare fake news virali. È successo così, che da un profilo Tik Tok albanese viene estrapolato un video, probabilmente fatto appositamente per attirare click, dove un presunto flacone di vaccino contro il nuovo Coronavirus – contenente nel fondo della polvere magnetica – attira un magnete. Il problema è che condividendolo nei Social, come Twitter, il filmato perde risoluzione, e le scritte nell’etichetta della boccetta appaiono illeggibili.

Per chi ha fretta:

  • Anche se le immagini sono sgranate, è palese che l’etichetta è del tutto diversa da quelle dei vaccini anti-Covid;
  • È chiaramente visibile della polvere, probabilmente di ferro, che chiunque può inserire in un flacone;
  • Raggiungendo il canale Tik Tok dell’autore è possibile risalire all’azienda che produce questi flaconi, che non ha niente a che fare coi vaccini.

Analisi

Nel filmato, pur nella sua bassa risoluzione appare l’indirizzo di un sito web: revolution.al e la didascalia «Grafeni Magnetik ne Vaksin. A thua te jet edhe Shishja e Vaksines e djersitur», che tradotto dall’albanese significa «Grafene magnetico nel vaccino. Anche il flacone del vaccino suda?».

Il tweet contenente il video segnalato dall’utente.

La battuta fa riferimento alla principale spiegazione del presunto fenomeno dei «vaccini magnetici», con filmati dove delle persone riescono a far aderire delle monete al braccio, nel punto in cui sarebbero state vaccinate. Questo può spiegarsi spesso proprio col sudore, basta un po’ di borotalco o farina per far sparire il «magnetismo».

Il dettaglio che spiega come stanno realmente le cose.

Il Sito web risulta al momento in down, ma è possibile risalire all’account di Tik Tok. Qui il filmato appare con una risoluzione più alta, che ci permette di comprendere cosa c’è scritto nell’etichetta: appartiene alla Particle Works, azienda che produce strumenti per i laboratori. Vende proprio flaconi contenenti nanoparticelle metalliche. Non certo una casa farmaceutica che produce vaccini anti-Covid.

«Le nanoparticelle e le microparticelle sono strumenti di ricerca utilizzati dagli scienziati in campi come la biomedicina, la diagnostica, la catalisi industriale e molti altri – spiega la pagina dedicata – Le proprietà uniche di questi materiali, e di conseguenza le loro prestazioni nelle applicazioni target, sono fondamentalmente determinate dalle dimensioni, dalla forma e dall’architettura delle particelle sottostanti».

@revolution.al

COHU NGA GJUMI SE U BO VONE !!! PROTESTO NE DATE 11 SHTATOR ORA 11:00

♬ original sound – Revolution

Conclusioni

I filmati e le foto da sole non sono fonti, come non lo sono quelle che mostrano come dopo il vaccino, sarebbe possibile diventare magnetici, attirando gli oggetti nel sito di inoculazione. In certi casi potrebbe trattarsi di burle, ma c’è anche chi se ne approfitta, mettendo in scena presunti studi, che dimostrerebbero tale fenomeno, terrorizzando le persone, come avevamo visto in un precedente articolo.  

Open.online is working with the CoronaVirusFacts/DatosCoronaVirus Alliance, a coalition of more than 100 fact-checkers who are fighting misinformation related to the COVID-19 pandemic. Learn more about the alliance here (in English).

Continua a leggere su Open

Leggi anche: