Meloni: «Mi sono stufata, il governo sciolga pure Forza Nuova». Salvini sbotta: «Basta parlare di fascismo»

Il leader della Lega ha abbandonato la piazza durante un evento a Trieste: «Fascismo e comunismo sono stati sconfitti dalla storia»

Dopo i violenti scontri di sabato scorso a Roma, «Fratelli d’Italia voterà per lo scioglimento di Forza Nuova». Ad annunciarlo in mattinata è stato Fabio Rampelli, deputato e vicepresidente della Camera, e tra gli esponenti di maggior spicco di FdI. Mancava però la conferma della leader di FdI, Giorgia Meloni, che è arrivata in serata, in un’intervista a Rete4. «Adesso mi sono stufata di questa cosa di Forza Nuova – ha dichiarato la leader di Fdi -. Forza Nuova la può sciogliere il governo, se vuole: al ministero dell’Interno da dieci anni c’è il Pd, non se ne sono accorti che c’era un problema? Perché non l’hanno sciolta se la volevano sciogliere?». E la leader di FdI torna ad attaccare la ministra dell’Interno Lamorgese: «Perché gente che ha il Daspo, il braccialetto elettronico e nove anni di galera stava a piazza del Popolo ad arringare la folla, a dire assaltiamo la Cgil: non se ne è accorto il ministero dell’Interno?»


Meloni riaccende lo scontro contro Provenzano: «Le parole hanno un peso anche per gli altri»

Meloni, nell’intervista, ha riacceso anche il fronte dello scontro con il vicesegretario del Partito Democratico, Giuseppe Provenzano, che commentando le violenze di Roma ha accusato la leader di FdI di non aver preso chiaramente le distanze da quanto accaduto, e di aver usato «parole che perpetuano l’ambiguità che la pone fuori dall’arco democratico e repubblicano». Meloni, oggi, è tornata a tuonare contro il vicesegretario dem: «Provenzano ha detto una cosa molto precisa e facilmente verificabile, cioè che Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni si pongono fuori dall’arco democratico e repubblicano, il che significa tecnicamente che FdI è una forza eversiva che può essere sciolta dal governo». «Le parole hanno un peso come per me anche per gli altri. Letta ha detto: “Beh, ma che sarà mai?” – ha proseguito la leader di Fdi -. Io devo condannare qualsiasi cosa, anche roba che non mi riguarda minimamente. E adesso mi sono stufata di questa cosa di Forza Nuova».


Salvini: «Fascismo e comunismo sono stati sconfitti dalla storia»

Il leader della Lega Matteo Salvini, a margine del comizio del centrodestra in vista dei ballottaggi delle elezioni comunali del 17 e 18 ottobre a sostegno del sindaco del centrodestra di Trieste, Roberto Dipiazza, alla ricerca di una riconferma elettorale per il quarto mandato, ha invece ribadito: «Diamo uno scoop, fascismo e comunismo sono stati sconfitti dalla storia e non tornano più. È curioso farsi dare lezioni di libertà a chi ritiene che migliaia di persone massacrate dai titini e dagli slavi siano un incidente di percorso». Al termine del comizio, Salvini ha sbottato contro i giornalisti che avevano posto una domanda alla leader di FdI sui possibili rischi correlati alle forze neofasciste in Italia: «E basta, ancora a parlare di fascismo! Complimenti ai giornalisti italiani». Meloni, invece, dopo aver risposto ai giornalisti, si è accorta che Salvini aveva abbandonato il punto stampa e ha commentato: «Ha ragione».

Foto in copertina: ANSA/PAOLO GIOVANNINI
Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Leggi anche: