Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ucraina, la resistenza passa anche dalla segnaletica: «Depistate i russi e smantellate i cartelli sulle strade»

La State Agency of Automobile Roads of Ukraine lancia un appello ai cittadini. E Google interrompe alcuni servizi di Maps

Rendere la vita difficile alle truppe russe che avanzano nel paese, ma anche mandare messaggi chiari e inequivocabili. Questo l’obiettivo di alcune azioni registrate negli ultimi giorni per le strade e le autostrade dell’Ucraina invasa dalle truppe inviate da Vladimir Putin. «Smontiamo la segnaletica stradale su tutte le strade del paese», è l’appello della State Agency of Automobile Roads of Ukraine. «Priorità #1 – cartelli indicativi, nomi dei posti. I cartelli raccolti vengono consegnati agli enti locali e ai passeggeri. Il nemico non si orienta nella zona. Aiutiamoli ad andare dritti all’inferno», scrive su Facebook Ukravtodor accompagnando il post con un fotomontaggio esplicativo in cui i nomi dei luoghi sono sostituiti da frasi che mandano a quel paese il nemico. «Tutte le organizzazioni stradali, le comunità territoriali, le autorità locali a iniziare immediatamente a smantellare la segnaletica stradale più vicina», esorta la compagnia.


In una foto postata su Twitter dalla giornalista italiana inviata in Ucraina, Francesca Mannocchi, si vede un cartello stradale con i nomi dei luoghi cancellati in nero.


Nei giorni scorsi è diventata virale l’immagine dei cartelli sull’autostrada di Boryspil con la scritta «Russian warship, go f*** yourself», citando le parole con cui i soldati ucraini su un’isola del Mar Nero avrebbero risposto a un ufficiale della Marina russa. Dell’episodio esiste una registrazione dichiarata autentica dal ministero dell’Interno ucraino: e secondo il presidente Volodymyr Zelensky, tutti i soldati – che stavano difendendo Snake Island – sarebbero stati uccisi. Il Cremlino ha smentito, dicendo che si sarebbero solo arresi.

Altre immagini mostrano cartelli stradali in cui è scritto «Benvenuti all’inferno».

Intanto, sul fronte “tecnologico”, Google conferma in queste ore di aver temporaneamente disabilitato per l’Ucraina alcuni strumenti di Google Maps che forniscono informazioni in tempo reale sulle condizioni del traffico e sull’affollamento dei diversi luoghi.

Leggi anche: