Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Come aiutare l’Ucraina, la mappa di tutti i punti di raccolta per donare aiuti: l’idea di due bielorussi in Italia

La mappa è stata creata da due ragazzi: Alexei Sytov e Elena Lukashova. Dentro c’è di tutto, dagli oratori ai piccoli negozi

Sono 192 in tutta Italia. Dall’associazione “Aiutamoli a vivere” di Trento all’associazione “Nuovi confini” di Catania. 192 realtà che negli ultimi 12 giorni si sono attivate tutte con lo stesso scopo: raccogliere aiuti da destinare alla popolazione colpita dalla guerra in Ucraina. Tutte sono state riunite in una mappa in continuo aggiornamento creata da due autori: Alexei Sytov e Elena Lukashova. L’obiettivo è permettere a chiunque di fare una donazione, cercando il punto di raccolta più vicino a casa. Scorrendo l’elenco dei luoghi dove portare gli aiuti destinati all’Ucraina si trova di tutto. Ci sono oratori e parrocchie, tabaccherie, sedi diplomatiche e negozi. Ci sono realtà che si sono organizzate solo negli ultimi giorni per raccogliere materiale e altre che invece sono attive da tempo in campo umanitario, come l’Arsenale della pace di Torino o la Croce Rossa. In tutti i casi, invitiamo i nostri lettori a verificare i punti di di raccolta prima di donare per capire che tipo di attività viene svolta.


Non tutti questi luoghi raccolgono però lo stesso genere di aiuti. Alcuni sono specializzati in viveri alimentari, altri in coperte e vestiti, altri ancora in medicine e prodotti per bambini. La scelta migliore, spiega Alexei Sytov, è quella di chiamare sempre il punto di raccolta per capire orari di apertura e materiale necessario. Sempre Alexei ha spiegato che il progetto della mappa nasce proprio per tutti quelli che vogliono dare una mano ma non sanno come fare, come ha spiegato a Open: «Tante persone vogliono aiutare ma non sanno come. Abbiamo creato questa mappa sia per guidare chiunque ne abbia bisogno verso un punto di raccolta ma anche per far vedere quante persone si stanno muovendo in Italia per aiutare l’Ucraina, così da motivare le altre». Per chi invece vuole inviare del denaro l’ambasciata dell’Ucraina in Italia ha fornito tutti i link, questo invece è il canale ufficiale per donare Bitcoin e qui trovate la campagna nata sui social attraverso Airbnb.


Leggi anche: