Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

I presunti testimoni delle scie chimiche e l’evento (inconcludente) dei teorici del complotto

L’evento noto come Shasta County action tenutosi 10 anni fa in California non è una prova

In mancanza di documentazioni serie, chi sostiene una teoria del complotto spesso ricorre a veri o presunti processi, il cui svolgimento dovrebbe fungere da surrogato agli studi scientifici veri e propri. Abbiamo visto diversi esempi qui, qui e qui. Questo vale anche per i sostenitori della teoria delle Scie chimiche, come possiamo vedere in recenti condivisioni Facebook, con allegato un filmato, dove intervengono diversi testimoni che affermano in un tribunale, varie congetture sui cieli che non sarebbero più come prima a causa dell’irrorazione di scie contenenti chissà quali misteriose sostanze. Vediamo di cosa si tratta realmente.

Per chi ha fretta:

  • La teoria del complotto sulle Scie chimiche non è mai stata dimostrata, né in studi scientifici seri, né in vere inchieste della magistratura.
  • L’episodio immortalato nel filmato diffuso su Facebook non riguarda un processo ma una richiesta formale di indagini in una assemblea della contea di Shasta in California.
  • L’evento denominato Shasta County action avvenne nel 2014 e non ha avuto seguito alcuna verifica di tale cospirazione.

Analisi

Nel video vediamo intervenire Jeff Nelson (ex pilota commerciale), Allan Buckmann (ex meteorologo militare), Frank Livolsi (dottore e pilota) e diversi altri “testimoni”. Cosa stiamo vedendo esattamente? Innanzitutto rimandiamo ai nostri precedenti articoli (qui, qui e qui), dove spieghiamo con fonti perché le cosiddette Scie chimiche sono in realtà scie di condensazione rilasciate dagli aerei.

È reperibile su YouTube il video integrale del presunto processo, col Watermark del sito cospirazionista GeoengineeringWhatch.org e fa riferimento a un evento svoltosi nel 2014:

Il 15 luglio 2014 – riporta il sito -, i cittadini della California settentrionale si sono mobilitati per creare la più grande partecipazione di sempre alle camere della Shasta County Supervisors (400+, il presidente Les Baugh ha confermato questo record di presenze all’inizio della riunione). Lo scopo principale di questo incontro era presentare informazioni che dimostrino che esiste una terribile contaminazione da metalli pesanti e un problema di radiazioni UV nella regione della contea di Shasta (e nel mondo). Un elenco di 10 esperti ha presentato i dati al consiglio per confermare la legittimità delle preoccupazioni affrontate. Alla fine della presentazione, il consiglio ha votato all’unanimità per indagare sulla contaminazione da metalli pesanti e ha approvato risoluzioni di conseguenza. Il video qui sotto documenta gli eventi di questa giornata fondamentale nella lotta per smascherare il crimine della geoingegneria globale, tutti gli esperti sono identificati con etichette nel video (la nuova versione ridotta e condensata).

Del caso si occuparono lo stesso anno i colleghi del forum internazionale di Fact-checking MetaBunk. Il tutto è passato “alla Storia” come la Shasta County action, un evento che non ha alcuna rilevanza giuridica, tanto meno scientifica, dove i supervisori di una contea dello Stato della California hanno votato all’unanimità (Sic!) in favore di una indagine sulle Scie chimiche. Tale evento venne comprensibilmente ridicolizzato dai media locali e tutto finì lì. Ad oggi non risultano indagini serie, svolte da scienziati o magistrati californiani, che abbiano portato a dimostrare l’esistenza di tale cospirazione.

Conclusioni

Non ci risultano processi in California, dove a seguito di testimonianze autorevoli e la raccolta di prove, sia stata accertata l’esistenza delle Scie chimiche.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: