Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Napoli, ecco il portiere: ad un passo l’arrivo di Kepa dal Chelsea

Il portiere spagnolo del Chelsea è il primo obiettivo per la porta. Con Meret che aspetta di capire il futuro per firmare il rinnovo

In casa Napoli è tempo delle sostituzioni nel calciomercato. Dopo l’acquisto del difensore Kim Min-jae, post cessione di Koulibaly, per il ds Giuntoli sono i giorni per chiudere la questione portiere, dopo l’addio a David Ospina in scadenza di contratto. Il nome in cima alla lista del club è quello di Kepa Arrizabalaga, spagnolo classe ’94 di proprietà del Chelsea. Contatti vivi tra i due club che hanno trovato un’intesa per il prestito secco con condivisione dello stipendio monstre del portiere. Degli oltre 9,5 milioni di euro che il portiere guadagna a Londra, il Napoli arriverà a pagarne circa 3, con il resto che rimarrà a carico del club inglese.


Manca ancora l’accordo sui bonus, circa 2 milioni, richiesti dal Chelsea nella formula di trasferimento. Gli agenti in queste ore sono al lavoro per abbassare la richiesta e portare alla fumata bianca ma l’ottimismo è crescente. Lo spagnolo ha voglia di cambiare aria, dopo il biennio passato in panchina alle spalle di Edouard Mendy. I tempi dei record – il Chelsea spese 80 milioni di euro per acquistarlo dall’Athletic Bilbao – e di un posto da titolare indiscusso al Chelsea sembrano ormai passati. Ora c’è il Napoli, che gli offre la Champions League e quella maglia n.1 tanto agognata.


E Meret che fa?

ANSA / CIRO FUSCO | Il portiere del Napoli Alex Meret in azione durante la gara Napoli-Verona allo Stadio Maradona, Napoli, Italia, 19 ottobre 2019

Una strategia che ovviamente riguarderà anche Alex Meret e il suo rinnovo di contratto. L’accordo tra il Napoli e il portiere c’è da tempo, ma la firma ancora non è arrivata. Il portiere infatti prima di mettere nero su bianco vuole capire che tipo di concorrenza ci sarà in maglia azzurra. Se reale e aperta, oppure già definita in sede di calciomercato. E con l’arrivo di un profilo di altissimo livello – almeno come nome, viste le prestazioni altalenanti degli ultimi anni – le prospettive per Meret potrebbero anche cambiare e decidere di non rinnovare arrivando alla scadenza naturale del contratto nel 2023.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: