Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il primo tricolore italiano, cos’è la bandiera appesa nella panchina delle azzurre

L’allenatrice della nazionale ha voluto portare in Francia il primo tricolore, nato proprio nella sua città natale: Reggio Emilia

«Le ragazze sono state fantastiche perché l’Australia è una squadra molto forte». È soddisfatta Milena Bertolini dopo la vittoria per 2-1 contro l’Australia, nella partita d’esordio dei mondiali di calcio femminile in Francia. Avvolta attorno a lei una bandiera tricolore: «Ci porterà fortuna», dice Bertolini e spiega: «È il primo tricolore italiano, l’ho portato dalla mia città, Reggio Emilia».


«Siamo partite male – ha detto a Sky – ma nel secondo tempo siamo andate meglio, aiutate anche da un pizzico di fortuna. Con ragazze così, andremo lontano. E a tutti gli italiani che ci sono stati vicini, dico di seguirci anche alla prossima…».


Immagini Rai / Milena Bertolini con il tricolore a fine partita

Un match sofferto quello vinto conto l’Australia. «All’inizio – ha spiegato Bertolini – abbiamo avuto paura. Nel secondo tempo invece la squadra ha reagito, ha cominciato a giocare e a fare quello che sa, quindi è andata molto meglio. Le ragazze sono state fantastiche perché l’Australia è una squadra molto forte», ha detto Bertolini.

Il primo tricolore

Per celebrare la vittoria sull’Australia, nel match inaugurale dell’Italia, a distanza di vent’anni dalla sua ultima partecipazione mondiale, Milena Bertolini ha voluto portare con sé un “porta fortuna”, un simbolo che viene dalla sua città natale: Reggio Emilia, dove il 7 gennaio del 1797 nacque il primo tricolore, allora rappresentativo della Repubblica Cispadana.

A proporlo fu il deputato del Congresso di Reggio Emilia Giuseppe Compagnoni, considerato il padre del Tricolore. Quel giorno Compagnoni propose di rendere «universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco, e Rosso, e che questi tre Colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti».

Sullo stesso tema: