Fabio Fazio dà l’ok al taglio del suo stipendio: la decisione dopo una richiesta della Rai

Dopo mesi di attacchi e polemiche, il conduttore di Che tempo che fa ha detto sì alla Rai. Secondo l’Adnkronos, non è una misura punitiva

Dopo mesi di accuse e punzecchiatine («Fazio? Preferisco Peppa Pig», aveva detto Salvini) e un trasloco forzato da Rai 1 a Rai 2, Fabio Fazio compie un altro passo per mettere a tacere le polemiche: secondo l’agenzia Adnkronos, il conduttore di Che tempo che fa ha accettato il taglio del compenso che gli era stato richiesto dalla Rai, disponibilità che aveva già manifestato pubblicamente.

L’accordo sarebbe stato raggiunto due settimane fa. Secondo AdnKronos, la mossa della Rai non va inquadrata come un provvedimento punitivo ad personam, ma come una richiesta basata su esigenze aziendali.

L’amministratore delegato della Rai, Salini, starebbe lavorando da tempo a una nuova politica sui compensi, che riduca i costi artistici senza indebolire l’azienda. L’ad potrebbe presentare la proposta il 9 luglio a Milano.

In base alle indiscrezioni raccolte dall’agenzia, Fazio ha dato l’ok alla riduzione del suo stipendio, ma non al taglio del budget a disposizione di Che tempo che fa.

In un’intervista al Corriere della Sera, Fazio aveva dichiarato di percepire uno stipendio di «due milioni e 240 mila euro l’anno, per quattro anni», spiegando però che «il programma è pressoché interamente ripagato dalla pubblicità».

Leggi anche: