Si insedia il nuovo Parlamento europeo: il Brexit Party gira le spalle durante l’inno – Le immagini

Al via i lavori della nuova Eurocamera, dopo le votazioni dello scorso 26 maggio. Ma i deputati euroscettici hanno voltato le spalle durante l’Inno alla gioia

È cominciata la nona legislatura al Parlamento europeo: nell’emiciclo di Strasburgo sono risuonate le note dell’Inno alla gioia di Beethoven, inno dell’Unione.

Durante l’esecuzione, un gruppo di eurodeputati euroscettici, in particolare i 28 del Brexit Party di Nigel Farage e dell’ex Tory Ann Widdecombe ha voltato le spalle all’aula.

La presenza del Brexit Party nel Parlamento europeo è il frutto straniante del mancato accordo sulla Brexit, che ha obbligato il Regno Unito a presentare i propri candidati alle elezioni europee. L’uscita dall’Unione Europea, dovrebbe avvenire a ottobre, dopo varie proroghe.

L’azione dei parlamentari ha portato a un rimprovero del presidente Antonio Tajani che ha richiamato la Camera all’ordine, chiedendo a tutti i 748 deputati di alzarsi in piedi.

La sessione plenaria inaugurale è durata meno di mezz’ora, durante la quale si sono nominati gli scrutatori per l’elezione del nuovo presidente, in programma per domani. Le candidature possono essere presentate entro le 22 di oggi da un gruppo politico o da 38 eurodeputati, ha ricordato Tajani.

Leggi anche: