Migranti, la Alan Kurdi rifiuta il porto libico. Salvini, Trenta e Toninelli vietano lo sbarco

«I porti restano chiusi, l’Italia non è il campo profughi d’Europa» questa la risposta del vicepremier Matteo Salvini

La nave Alan Kurdi della Ong tedesca Sea Eye ha rifiutato di sbarcare a Tripoli, dopo l’invito della guardia costiera libica. A bordo dell’imbarcazione ci sono 40 migranti salvati da un gommone a circa 30 miglia dalla costa libica. Tra le persone soccorse ci sono due donne, una delle quali è incinta, e tre bambini.

A dare la notizia del mancato sbarco a Tripoli, considerato porto non sicuro dall’Onu, dalla Commissione europea e anche da Matteo Salvini, è stato lo stesso ministro dell’Interno, che ha commentato la notizia con un «ci risiamo, la nave Alan Kurdi se ne frega delle autorità internazionali».

I migranti a bordo della nave hanno riferito di aver lasciato la città libica di Tagiura, a est di Tripoli, nel corso della notte. Secondo quanto rende noto Sea Eye, le persone soccorse provengono dalla Nigeria, dalla Costa d’Avorio, dal Ghana, dal Mali, dal Congo e dal Camerun.

«Lampedusa è il porto sicuro più vicino»

Il ministro dell’Interno Salvini e, a ruota, i ministri M5s Toninelli e Trenta, hanno firmato il divieto di sbarco in Italia. La ong ha fatto sapere che non proverà a tutti i costi ad attraccare a Lampedusa, ma che quello al momento è il porto più vicino.

«Chiederemo alle autorità competenti di assegnarci un porto sicuro», ha fatto sapere Gorden Isler, portavoce della Sea Eye. «Geograficamente, Lampedusa è il porto sicuro più vicino. Nelle prossime ore vedremo come andranno le cose».

Leggi anche: