Umbria, sondaggi Noto: centrodestra in testa, la coalizione M5s-Pd arranca

Sembra essere scontata la vittoria della candidata del centrodestra Donatella Tesei. Ma a scombinare le carte in tavola, o a ridurre i margini di vittoria rispetto al M5s-Pd, potrebbe esserci un altro candidato del centrodestra: Claudio Ricci

A due settimane dal voto in Umbria, nel primo test elettorale dopo l’insediamento del nuovo esecutivo giallorosso, i sondaggi sembrano non lasciare equivoci. 

Dopo i dati Swg e le rilevazioni di Youtrend, anche il sondaggio Noto per Porta a Porta vede favorita la coalizione di centrodestra guidata da Donatella Tesei, che – stando alla rilevazione – raccoglierebbe tra il 47% e il 51% delle preferenze degli elettori umbri.

Non convince invece Vincenzo Bianconi, candidato per la coalizione M5s-Pd, che non riesce a intercettare le preferenze degli umbri, e il cui risultato si attesterebbe in un range tra il 39% e il 43%.

Intenzioni di voto ai candidati a Presidente regione Umbria, Noto Sondaggi per Porta a Porta

La vittoria di Tesei sembra quindi praticamente scontata, grazie anche al forte traino della Lega nella coalizione di centrodestra. La coalizione M5s-Pd paga invece lo scotto dello scandalo esploso nella sanità umbra, che ha sancito di fatto l’interruzione anticipata della legislatura regionale e il decadimento della giunta guidata dalla dem Catiuscia Marini del Partito Democratico.

L’incognita Claudio Ricci

Tuttavia, tra i due contendenti maggiori, non si escludono colpi di scena a causa di un altro candidato, sostenuto dal centrodestra e da tre liste civiche, e che potrebbe scombinare le carte in tavola e le percentuali dei sondaggi.

Si tratta di Claudio Ricci, già candidato del centrodestra alla guida della Regione nel 2015. Ricci, infatti, al momento raccoglie tra il 5,5% e il 7,5% delle preferenze, ma non è escluso possa togliere voti alla Tesei.

A ciò si aggiunge l’alta percentuale di indecisi, che rappresenta il 29% del campione intervistato. E malgrado il risultato delle elezioni possa sembrare già scontato, sarà proprio il popolo degli indecisi e gli eventuali voti che riuscirà o meno a raccogliere Ricci a fare da ago della bilancia nelle elezioni di domenica 27 ottobre. 

Ma qualora i sondaggi dovessero trovare conferma nei voti effettivi, la vittoria di Donatella Tesei decreterebbe la prima ufficiale sconfitta elettorale per la coalizione del governo Conte bis.

Leggi anche: