Capo ultrà del Verona contro Balotelli: «Non potrà mai essere del tutto italiano»

Luca Castellini, oltre ad essere capo ultrà, è anche coordinatore di Forza Nuova per il Nord Italia

A far capire ancora meglio quanto sia grave il fenomeno dell’intolleranza delle tifoserie organizzate negli stadi, arriva la presa di posizione del capo degli ultrà del Verona che, intervistato questa mattina da una emittente veneta, ha detto testualmente: «Balotelli è italiano perché ha la cittadinanza italiana, ma non potrà mai essere del tutto italiano». 

Luca Castellini – che oltre a essere capo della curva dell’Hellas è anche coordinatore di Forza Nuova per il Nord Italia – ha poi rigettato le accuse di razzismo, dichiarando che i cori durante Verona – Brescia fossero rivolti a Balotelli in quanto calciatore perché, a suo dire, «Ce l’abbiamo anche noi (del Verona, ndr) un ne**o in squadra, che ha segnato ieri, e tutta Verona gli ha battuto le mani». 

Sì, ha detto proprio «ne**o». E di fronte alla contestazione dell’intervistatore, Cartellini ha risposto in modo sprezzante: «Ci sono problemi a dire la parola ne**o? Mi viene a prendere la commissione Segre perché chiamo uno ne**o? Mi vengono a suonare il campanello?». 

E già nella serata di ieri il capo ultrà, sul suo profilo Twitter, aveva scritto: «Balotelli volevi godere del black pass de “il ne**o ha sempre ragione”, ma tu sei più stupido che ne**o».

Sullo stesso tema: