Ferie e ponti 2020, la guida pratica per non farvi trovare impreparati

Sarà un nulla di fatto con Ferragosto e il primo novembre, ma le occasioni non mancheranno

Ponte sì, ponte no. Weekend lungo, weekend corto. Il 2020 ci attende con un paio di festività “fortunate” che daranno la possibilità, a chi vuole, di prendere qualche giorno di ferie per godere del tempo libero e dedicarsi al sano riposo.

Si comincia con l’Epifania, il 6 gennaio, che “tutte le feste porta via” e che cade di lunedì: ottimo escamotage per prolungare il fine settimana e riprendersi dai vari cenoni accumulati nei quindici giorni precedenti.

Segue poi il Carnevale che comincia il 20 febbraio e, come da tradizione, si apre con il giovedì grasso, opportunità per molti di fare il cosiddetto “mega ponte”, trascorrendo magari qualche giorno in montagna.

Con un salto in avanti, avvicinandosi alla primavera, arriva la Pasqua. Il 12 aprile tutti pronti ad aprire uova e fare pic nic nei prati – bel tempo permettendo.

Fortuna infausta per la Festa della Liberazione, il 25 aprile, che nel 2020 cadrà di sabato, lasciando poco spazio alla smania di aggiudicarsi qualche giorno di relax.

Si compensa con la festa dei Lavoratori, il 1 maggio, che quest’anno cadrà di venerdì: occasione succulenta per chi vorrà sfruttare al massimo il lungo fine settimana.

Stesso discorso per la Festa della Repubblica: si festeggia il 2 giugno che è un martedì. I più fortunati potranno cominciare a festeggiare già dal venerdì precedente, guadagnandosi così quattro giorni di vacanza.

Nulla di fatto per Ferragosto – che si celebra il 15 agosto – e per per il primo novembre, che cadono rispettivamente di sabato e di domenica. Bisogna aspettare l′8 dicembre che è un martedì e che consente di fare un lungo ponte prima delle vacanze di Natale.

Chiudono il cerchio Natale e San Silvestro che nel 2020 cadranno entrambe di venerdì.

Leggi anche: