La trappola Diamond Princess: altri 88 casi, sale a 542 il numero dei contagi sulla nave

Giovedì dovrebbero arrivare in Italia i 22 italiani a bordo della Diamond Princess, altri 12 resteranno a bordo, incluso il capitano

Sale il numero dei casi di Coronavirus sulla nave da crociera ferma al largo del Giappone. Sono 88 i nuovi contagi positivi al Covid19 dopo gli ultimi test effettuati fra le persone a bordo della Diamond Princess. Sale così a 542 il numero delle persone contagiate a bordo.

Una notizia che arriva proprio quando sta per finire la quarantena per i passeggeri sani da giorni bloccati a bordo della nave. Il processo di sbarco per chi è risultato negativo dovrebbe iniziare domani, 19 febbraio e completarsi entro tre giorni. Lo ha detto il ministro della Salute, Katsunobu Kato, confermando che i test sono stati condotti su tutti i circa 3.200 passeggeri della nave, e gli esiti dei laboratori sulla totalità degli occupanti verranno resi noti entro venerdì.

Giovedì dovrebbero arrivare in Italia i 22 italiani a bordo della Diamond Princess, altri 12 resteranno a bordo, incluso il capitano. Un italiano è risultato positivo al virus, è stato rimpatriato negli Stati Uniti, dove è residente con la moglie americana.

Il bilancio

Il numero delle vittime da coronavirus sale a 1873, secondo i dati della Johns Hopkins University. Supera i 70mila il numero dei contagiati. Sale anche il numero delle persone dimesse dagli ospedali. Secondo Reuters, i medici di Shanghai starebbero usando infusioni di plasma sanguigno da persone che si sono riprese dal coronavirus per curare coloro che ancora combattono l’infezione.

È stata confermata la morte di Liu Zhiming, direttore del Wuchang Hospital di Wuhan. L’uomo è morto all’età di 51 anni a causa del coronavirus. Già nella serata di ieri, 17 febbraio, era circolata la notizia della sua morte, poi smentita come nel caso di Li Wenliang, morto anche lui per il virus.

La Cina per far fronte all’epidemia ha deciso di togliere i dazi sull’import di alcuni beni come le attrezzature mediche Usa che includono monitoraggio del paziente, trasfusioni di sangue e strumenti per misurare la pressione del sangue. HSBC Bank, una delle maggiori organizzazioni bancarie e di servizi finanziari al mondo, ha lanciato un allarme: la crisi coronavirus potrebbe pesare sul 2020.

La più grande banca in Europa per asset ha dichiarato una svalutazione dell’avviamento di 7,3 miliardi, principalmente per le attività europee di investment banking e commercial banking. E ha detto che «continuerà a monitorare il recente scoppio del coronavirus che sta causando turbolenze economiche a Hong Kong e in Cina e potrebbe influire sulla performance del 2020».

Leggi anche: