Coronavirus, settima vittima. Primo contagio in Alto Adige: i positivi sono 230. E non c’è ancora un paziente 0

La vittima è un uomo di 62 anni di Castiglione d’Adda, nel Lodigiano. Anche in questo caso, il quadro clinico era già compromesso da importanti patologie

Il bilancio delle vittime da Coronavirus in Italia sale a sette. L’ultimo decesso di cui si ha notizia è avvenuto sempre nei confini della Lombardia. Si tratta di un uomo di 62 anni di Castiglione d’Adda, nel Lodigiano, dove è stato confermato il primo focolaio del Covid-19. L’uomo, che si è spento in serata, era ricoverato all’ospedale Sant’Anna di Como, dove era stato trasferito nel fine settimana. Anche in questo caso la vittima presentava una serie di importanti patologie croniche pregresse e dunque un quadro clinico già compromesso.

Intanto secondo fonti di Europa Press un medico italiano in vacanza a Tenerife è risultato positivo al coronavirus. La notizia è stata confermata in seguito dal presidente delle Isole Canarie. L’uomo, che proveniva da una delle zone focolaio in Italia, è stato ricoverato in isolamento. Sono previste nuove analisi per domani.

Il bilancio dei contagi

Nelle Regioni del Nord continuano ad aumentare i casi di contagio. L’ultimo registrato riguarda un cittadino del Trentino Alto Adige, il primo caso per la Regione, la sesta in cui sia arrivato il coronavirus. Le persone risultate positive al test sono al momento 230 in 6 Regioni del nord.

Stando all’ultimo bollettino diffuso dalla protezione civile, nel dettaglio, sono 167 i casi accertati di coronavirus in Lombardia, 32 in Veneto, 18 in Emilia-Romagna, 3 in Piemonte, 3 nel Lazio, 1 in Trentino Alto Adige. I pazienti ricoverati con sintomi sono 101, 27 sono in terapia intensiva, mentre 94 si trovano in isolamento domiciliare. Una persona è guarita, mentre 6 sono decedute. Inoltre, non si hanno ancora notizie certe a proposito dell’individuazione del cosiddetto paziente zero.

FLASH -CORONAVIRUS: ITALIANO POSITIVO A TEST A TENERIFE, VIENE DA AREA ITALIANA COLPITA- FLASH

Il parere degli esperti

Leggi anche: