Sondaggio Emg, sul Coronavirus per gli italiani c’è eccessiva paura: i più preoccupati sono gli elettori di Pd e Lega

Il 43% degli intervistati ha paura sia per la propria salute che per l’economia del nostro Paese mentre l’81% chiede alla politica di non fare polemiche in un momento così delicato

I più preoccupati per la diffusione del Coronavirus sono gli elettori della Lega e del Pd. A metterlo nero su bianco sono i sondaggi Emg Acqua diffusi stamattina da Fabrizio Masia per Agorà su Raitre secondo cui il 43% degli italiani è preoccupato sia per la propria salute che per l’economia del Paese – dalla chiusura dei locali ai grandi eventi rinviati – mentre il 6% si dice tranquillo. Il 30% è preoccupato solo per le ricadute sull’economia e il 18% solo per la propria salute.

Ad avere più timori sono gli elettori del partito guidato da Matteo Salvini: il 60% ha paura di ripercussioni per il nostro Paese e per la loro salute mentre il 55% degli elettori del Pd teme per l’economia del nostro Paese.

«Paura eccessiva per il 51%»

La paura per il coronavirus in Italia è «eccessiva» per il 51% degli intervistati mentre è «giustificata» per il 43%. Gli italiani, intanto, continuano a informarsi soprattutto in tv (72%) e internet (49%) mentre il 4% ammette di non essersi affatto informato. Buona la percentuale (26%) di persone che si informano tramite siti ufficiali, come quello del ministero.

«No alle polemiche»

E su una cosa sono tutti d’accordo: la politica, di fronte a un’emergenza così, la politica dovrebbe «unirsi senza polemiche». Ne è convinto l’81% contro il 14% secondo cui i politici dovrebbero «continuare a confrontarsi come prima». A non volere divsisioni in un momento così delicato è il 92% degli elettori del Pd e l’87% di quelli del M5s. Gli elettori della Lega, invece, con il 30% chiedono che si continui il confronto.

«Il 32% vuole più chiarezza»

Il 32% degli intervistati vorrebbe «più chiarezza», il 62% invece si dice «sufficientemente informato». «Non ha capito nulla» solo il 2%.

Il parere degli esperti:

Leggi anche: