Coronavirus, a Pozzuoli fanno festa per strada in 50 come se nulla fosse. Il sindaco: «Li denuncio tutti» – Video

Nonostante l’intero Paese sia in lockdown da inizio marzo, c’è ancora chi si ostina a riunirsi in pubblico

Urla, musica, battimani. Succede a Pozzuoli, comune nella città metropolitana di Napoli dove decine di cittadini si sono riuniti in strada per un festicciola, come mostra un video sulla pagina Facebook “Pozzuoli informa”, trasgredendo alle regole di distanziamento sociale che lì, come in tutta Italia, sono ancora vigenti per contenere l’epidemia di Coronavirus.

Un video della festa è finito online ed è stato condiviso persino dal Sindaco della cittadina di 80mila abitanti, Vincenzo Figliolia. «È scandaloso quello che è successo oggi pomeriggio a via Napoli, nella zona conosciuta come dei “Marocchini”», ha scritto domenica il sindaco sulla sua pagina Facebook.

«Dei balordi, irresponsabili e senza alcun senso civico hanno pensato di radunarsi e fare festa tra i palazzi di un rione, nella parte retrostante il lungomare. Pensavano di essere lontano dagli occhi e quindi di poter fare tutto. Anche di raggirare i controlli. Sono dei folli! Hanno messo a rischio la salute loro e di tutti gli altri. Io non ho più parole!», ha aggiunto.

Polizia e carabinieri stanno indagando per individuare i partecipanti che, come ha annunciato il sindaco, verranno prontamente denunciati. I casi positivi al Coronavirus nella cittadina – secondo i dati comunicati ieri dall’Unità di crisi della Regione Campania – sono 27 in totale, di cui 19 attualmente contagiati (3 ospedalizzati e 16 in isolamento domiciliare), 2 in via di guarigione, una persona guarita definitivamente e 5 decessi. Domenica 29 marzo non ci sono stati nuovi casi ma l’allerta, almeno da parte delle autorità, è al massimo.

Leggi anche:

Foto di copertina: Facebook – Vincenzo Figliolia