Nomine, il pressing di Di Battista non convince il governo, Descalzi confermato ad dell’Eni

Poco dopo la mezzanotte il ministero dell’Economia ha comunicato le nomine ai vertici di alcune delle principali compagnie partecipate dallo Stato. Tra loro anche il nome avverso a una parte del M5S

Alla fine Alessandro Di Battista non è riuscito a far cambiare idea al governo. Il documento dei “ribelli” del Movimento, di cui Di Battista si è fatto portavoce, contro la riconferma di Claudio Descalzi alla guida dell’Eni a causa delle vicende giudiziarie attualmente a suo carico, non ha avuto l’effetto sperato e Descalzi è stato confermato amministratore delegato della partecipata.


Le spaccature nel Movimento

Bisognerà aspettare per vedere adesso quali saranno le ricadute sul Movimento, attualmente senza un vero leader politico (Vito Crimi ha il compito di traghettare il M5S verso gli Stati Generali) e anche sul Governo. Dopo la polemica sulla nomina di Descalzi Di Battista ha prontamente ribadito il suo sostengo al premier Conte («un galantuomo») e all’esecutivo.

Avrebbero fatto altrettanto gli altri firmatari del documento. Ma ci sono diversi gruppi di ribelli all’interno del Movimento e anche coloro che la settimana scorsa al parlamento europeo sono andati contro la maggioranza pentastellata, votando contro la Commissione von der Leyen e contro il Recovery Fund, adesso aspettano di conoscere la loro sorte e vedere se saranno sanzionati.

Le nomine: Eni, Enel, Poste e Leonardo

La conferma di Claudio Descalzi come amministratore delegato dell’Eni e Lucia Calvosa alla presidenza non sono le uniche approvate dall’esecutivo. Poco dopo la mezzanotte il ministero dell’Economia ha confermato anche Francesco Starace come amministratore delegato dell’Enel. Michele Crisostomo è in arrivo come presidente della stessa società.

Tra le indicazioni che arrivano dal ministero dell’Economia in vista delle prossime assemblee delle società, troviamo anche la conferma di Alessandro Profumo come amministratore delegato di Leonardo e Luciano Carta come presidente dell’azienda italiana attiva nel settore della difesa.

Alle Poste invece Matteo Del Fante è stato confermato come amministratore delegato e Maria Bianca Farina è stata nominata presidente. In uscita invece troviamo Patrizia Grieco (Enel), Emma Marcegaglia (Eni) e Giovanni De Gennaro (Leonardo).

Leggi anche: